Lunedì 15/07/2024
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 16:17
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Violenza domestica: arrestato un 20enne che maltrattava i propri famigliari ed un 47enne per analoghi reati
I carabinieri del Radiomobile della Compagnia di Terni hanno tratto in arresto un 20enne, gravato da precedenti, per maltrattamenti contro i propri familiari e porto di armi od oggetti atti ad offendere. Nella mattinata di sabato scorso è giunta alla centrale operativa una richiesta d’intervento da parte di una donna che, unitamente alla figlia minore, riferiva di essere stata minacciata dall’altro figlio. Questi sembra si trovasse in forte stato di agitazione ed aveva già danneggiato alcune masserizie di casa, al punto che entrambe le donne si erano dovute rifugiare da una vicina. "All’arrivo della pattuglia - riferiscono i carabinieri - il giovane si aggirava nel cortile della palazzina brandendo un grosso coltello da cucina, che cercava invano di occultare alla vista dei militari. Presa in consegna l’arma, poi sottoposta a sequestro, gli operanti hanno ascoltato le versioni dei familiari del giovane, i cui genitori, esasperati dalla situazione vessatoria cui erano sottoposti, hanno sporto denuncia-querela, raccontando che da tempo il loro figlio maltrattava l’intero nucleo familiare, con comportamenti minacciosi e spesso violenti finalizzati alla richiesta di denaro per l’acquisto di stupefacenti. Episodi che avrebbero cagionato, in almeno due circostanze, lesioni al padre, refertate presso strutture sanitarie. Il giovane è stato tratto in arresto nella flagranza del reato di maltrattamenti e tradotto presso la Casa circondariale di Vocabolo Sabbione".
Montecchio: perseguitava da oltre un anno la sorella, arrestato un 47enne
I carabinieri della Stazione di Montecchio hanno tratto in arresto un 47enne in esecuzione di un’ordinanza di applicazione della custodia cautelare in carcere emessa dal Gip di di Terni per i reati di atti persecutori e minaccia. "Nel corso dell’attività investigativa - riferiscono dal comando provinciale dell'Arma -, scaturita dalla denuncia-querela presentata da una 48enne, è emerso uno scenario di vita divenuto per lei ormai insostenibile a seguito del comportamento vessatorio del fratello minore. In particolare i militari hanno accertato che, da oltre un anno, il 47enne, peraltro dedito all’abuso di alcolici, tormentava la congiunta con innumerevoli telefonate e reiterate minacce, in alcune circostanze proferite alla presenza del figlio minore della stessa, per dissidi di natura economica, di fatto inducendola in un perenne stato di paura, sudditanza e timore per la propria incolumità, acuitosi ulteriormente nelle ultime settimane quando l’uomo aveva ripetutamente colpito, anche di notte, il portone di casa della vittima con una catena. Le indagini, svolte dai carabinieri sotto la direzione ed il coordinamento della Procura della Repubblica di Terni, nell’ambito del protocollo previsto dalla Legge n. 69/2019, cosiddetto 'Codice rosso', hanno permesso di delineare in tempi rapidi la vicenda, anche grazie alle informazioni fornite dalla parte offesa e alle concordanti risultanze investigative emerse. La richiesta di emissione di un provvedimento cautelare avanzata dall’Autorità Giudiziaria, per scongiurare il pericolo di reiterazione delle condotte illecite, è stata pienamente condivisa dal Gip con l’emissione dell’ordinanza custodiale eseguita nei giorni scorsi dai militari".
4/4/2024 ore 15:43
Torna su