Venerdì 27/01/2023
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 16:14
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Terni: al via i lavori di adeguamento dello svincolo di San Carlo, investimento di 5,8 milioni di euro
L'Anas ha consegnato all’impresa appaltatrice i lavori di adeguamento dello svincolo di San Carlo. Si parla della strada statale 675 “Umbro Laziale”, a Terni. "Il nuovo progetto - afferma l’assessore alle Infrastrutture della Regione Umbria, Enrico Melasecche - evidenzia un notevole miglioramento dal punto di vista ambientale rispetto al precedente. Questo, infatti, prevedeva la realizzazione di una complanare che avrebbe comportato una notevole erosione delle collina. Dopo tanti anni di discussioni finalmente si rende possibile l’ingresso diretto verso San Carlo e Collelicino in totale sicurezza". "Si tratta - spiega il Responsabile della Struttura Territoriale Anas Umbria, Lamberto Nibbi - di un intervento atteso dal territorio, per un investimento complessivo di 5,8 milioni di euro che consentirà di innalzare i livelli di sicurezza dell’attuale incrocio a raso e di migliorare la connessine della viabilità locale, garantendo anche il collegamento diretto dei due centri abitati (Collelicino e San Carlo). I lavori riguardano, in particolare, la realizzazione di due rotatorie: una sulla viabilità locale che, attraverso una nuova rampa di uscita e un sottopasso sulla S.S. 675 ‘Umbro Laziale’, consente il collegamento all’abitato di San Carlo per chi proviene da Spoleto o da Collelicino. Un’altra rotatoria sarà realizza sull’asse principale della strada statale e consentirà di eseguire tutte le altre manovre di immissione e uscita. La durata complessiva dei lavori è di sedici mesi. In questi giorni verranno avviate le attività preliminari di cantiere come la bonifica da ordigni bellici e allestimento delle aree, che avranno una durata complessiva di circa tre mesi. La cantierizzazione prevede di realizzare prima le parti di infrastruttura che non insistono sulla strada esistente, quindi spostare provvisoriamente su queste il flusso di traffico e completare i lavori contenendo al minimo le interferenze sul traffico. Il progetto prevede anche accorgimenti per l’inserimento paesaggistico e ambientale delle opere. Sarà impiantata vegetazione arbustiva lungo le nuove scarpate e all’interno degli anelli verdi delle rotatorie. Lungo i margini dell'infrastruttura sono inoltre previste opere di riconnessione paesaggistica ed ecologica con elementi e sistemi verdi.
28/11/2022 ore 12:43
Torna su