Martedì 07/02/2023
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 15:13
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni Scalo: la Bottega dei Vini si trasferisce in via della Doga, grandi spazi ed un distributore automatico di vino ed acqua
La Bottega dei Vini ha cambiato sede. La ventennale attività si è trasferita nella nuova cantina di via Della Doga 49/S, nella zona artigianale di Narni Scalo. In ritardo con i tempi previsti a causa di lungaggini burocratiche e del lockdown, il trasferimento ha potuto finalmente avere luogo. Già da qualche giorno i cittadini hanno a disposizione nuovi, più ampi ed accoglienti locali. "Abbiamo 150 metri quadrati di negozio - spiega il titolare Francesco Anasetti -, con oltre 20 tipologie di vini sfusi di qualità superiore, oltre ad un ampio assortimento di etichette, per lo più locali, che fanno di noi la vineria-enoteca più grande del centro Italia. Da più di venti anni siamo il punto di riferimento di chiunque sia in cerca il buon vino a Narni, nonché di molti produttori della zona che da noi trovano spazi per i loro prodotti. Inoltre - continua Anasetti -, da circa un anno e mezzo abbiamo installato il primo distributore automatico di vini sfusi al mondo, che garantisce il servizio dalle 6 del mattino alle 24, tutti i giorni, festivi compresi. Si tratta di un prototipo interamente fatto a mano ed in regola ccon le più stringenti normative europee. All'impianto abbiamo abbinato l'erogazione di acqua naturale e frizzante, che ad oggi conta circa 750 utenti registrati che lo utilizzano regolarmente. Un servizio di qualità, che è alternativo alla classica casetta dell'acqua e igienicamente perfetto che restituisce un'acqua oligominerale ipotonica povera di sodio, a basso residuo fisso e pochi nitrati, particolarmente indicata per chi ha problemi di reni. Lo speciale filtro con gli ioni di argento inserito nel sistema di filtraggio della 'Fonte del Pellegrino', unico nel suo genere - conclude Anasetti -, oltre a rendere l'acqua microbatteriologicamente pura, ne rivitalizza le cellule, garantendo l'erogazione di acqua viva come quella di sorgente, con tutti i benefeci che ne conseguono".
23/9/2020 ore 11:25
Torna su