Domenica 19/09/2021
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 15:39
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: niente plastica in comune, attivato un distributore d'acqua alla spina per dipendenti e cittadini
E’ iniziato a Narni il programma “Plastic free” che riguarda il Comune. Lo annuncia l’assessore all’ambiente, Alfonso Morelli, ricordando che l’iniziativa, finanziata da Auri, punta a ridurre o eliminare l’utilizzo della plastica usa e getta per tutelare l’ambiente ed evitare gli sprechi. All’interno di Palazzo del Podestà, sede dell’amministrazione comunale, è stato recentemente installato un distributore di acqua alla spina a disposizione dei dipendenti e dei cittadini che si recano negli uffici comunali. Nei prossimi giorni inizierà la distribuzione, sempre a tutti i dipendenti, delle borracce in metallo. “In questo modo – spiega l’assessore Morelli - incentiveremo ulteriormente l'uso dell’acqua del distributore e contribuiremo alla riduzione dell'utilizzo della plastica”. Sempre Morelli ricorda, inoltre, che quella all’interno del Comune è la sesta fontanella di acqua alla spina presente nel territorio comunale. Le altre si trovano a Narni centro, a Narni Scalo, Taizzano, San Liberato ed a Montoro.
IL MOVIMENTO CINQUE STELLE PLAUDE ALL'INIZIATIVA
"Finalmente - afferma Luca Tramini (M5S) - il Comune di Narni è 'Plastic free' e questo fa seguito alla nostra mozione che avevamo presenta a fine dicembre 2018 sull'esempio del ministro Sergio Costa. Mozione approvata a febbraio 2019. Oggi, dunque, finalmente si passa dalle parole ai fatti. E' davvero emozionante vedere i progetti discussi con il gruppo e le battaglie fatte che pian piano diventano realtà; realtà che possiamo toccare con mano e giorno dopo giorno vanno a migliorare la nostra città ed il nostro territorio. Questo però - conclude Tramini -, è soltanto l'inizio, adesso bisogna riprendere i lavori della commissione come deciso in Consiglio Comunale lo scorso febbraio ed estendere il progetto 'plastic free' alle scuole, alle altre strutture pubbliche e man mano a tutto il territorio, con nuove idee ed anche aiuti ed incentivi per i commercianti".
22/7/2020 ore 1:25
Torna su