Venerdì 14/06/2024
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 14:24
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: interrogazione congiunta dei consiglieri del centrodestra contro la realizzazione di un nuovo impianto di smaltimento di rifiuti
Una interrogazione, sottoscritta da tutti i consiglieri del centrodestra narnese. L'oggetto riguarda la preoccupazione dovuta "alla possibile delocalizzazione di un impianto ad elevato impatto ambientale per lo smaltimento e recupero di rifiuti da Perugia a Narni, in località Treie". "La pratica - si legge nel documento -, sembrerebbe già in fase di avanzamento dal momento che in data 4 ottobre 2022 si è tenuta una Conferenza dei Servizi nella quale, all’ordine del giorno, è stata discussa la delocalizzazione dell’impianto di smaltimento dalla provincia di Perugia a Narni. Siamo molto preoccupati - afferma Gianni Daniele della Lega a nome di tutti i suoi colleghi del centrodestra - per la richiesta di delocalizzazione nel comune di Narni di un impianto di smaltimento di circa centoventimila tonnellate di fanghi e rifiuti organici in una zona dove in pochi chilometri quadrati sono stati autorizzati, o in via di autorizzazione, circa cinquecentomila tonnellate di rifiuti, molti di più dell’ammontare totale dei rifiuti prodotti ogni anno in tutta la Regione. Vorrei ricordare – continua Daniele - che il sito in località Treie sorge a meno di un chilometro da un impianto che è già stato oggetto di numerose contestazioni da parte del comitato dei residenti per le note problematiche odorigene e da un complesso turistico recettivo di duecento ettari la cui realizzazione ha comportato un notevole investimento economico. Mi domando che tipo di vantaggi di natura occupazionale, ambientale ed economica, possa portare al territorio un tale impianto considerando che la conca ternana è un'area di superamento dei limiti di concentrazione delle polveri in atmosfera già oggetto di procedura di infrazione dalla Commissione Europea. La nostra posizione – conclude il consigliere leghista - resta assolutamente favorevole all’economia circolare purchè risulti, alla fine del ciclo, un oggettivo vantaggio per i residenti di questo territorio".
28/12/2022 ore 1:45
Torna su