Domenica 29/01/2023
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 20:09
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni, Imu ed Irpef alle stelle, la minoranza attacca la Giunta: "bocciate le nostre proposte per ridurre le aliquote"
"La maggioranza ha approvato nuovamente tutte le aliquote Imu ed Irpef al massimo consentito dalla legge. Al tempo stesso ha bocciato la proposta della minoranza di alzare le fasce di esenzione". L'anno nuovo comincia con un duro attacco dell'opposizione alla giunta Lucarelli. I consiglieri Sergio Bruschini (FI), Rebecca Poggiani e Barbara Chiaramonti (FdI), Gianni Daniele (Lega) e Cecilia Cari (Gruppo Misto), condannano la decisione dell'esecutivo narnese. "Nell'ultima seduta del Consiglio Comunale - affermano dall'opposizione -, si sono votate importanti delibere che traguardano le aliquote Imu ed Irpef, ovvero le tasse che dovranno pagare tutti i cittadini residenti nel comune di Narni. Ebbene nel nostro territorio abbiamo un 'record' rispetto a questo argomento, infatti tutte le aliquote sia dell’Imu, che dell’Irpef, sono al livello massimo della loro  applicazione. Fa sorridere - continuano i consiglieri di minoranza -, l’affermazione dell’amministrazione quando nella relazione di presentazione della delibera in oggetto dice che 'anche quest’ anno le aliquote non saranno aumentate':  ovvio, esse sono già al massimo! Rispetto a ciò avremmo voluto come minoranza, non votarle e fare invece un rinvio in commissione per confrontarci con gli uffici circa la praticabilità tecnica di una proposta che rivedesse al ribasso le cifre e dare un segnale concreto ai cittadini di un abbassamento della pressione fiscale, soprattutto in un periodo come l’attuale, gravato da enormi problemi economici. La proposta, al contrario, è stata bocciata dalla maggioranza la quale ha votato pedissequamente la delibera mantenendo le cifra al massimo consentito, allegando solo un Odg, che vale quanto la classica 'foglia di fico', che, forse, solo in futuro, previa valutazione degli uffici, potrà presupporre una rivisitazione. In relazione a questo - continuano i consgileri di minoranza -, abbiamo proposto noi, con un emendamento, la modifica alla compartecipazione della quota dell’Irpef  formulando il parere di alzare per le diverse fasce di reddito la 'no tax area' da 10.000 a 12.000 euro. Non c’è però stato nulla da fare. Nonostante da quanto detto dalla stessa dirigente i tempi per l'approvazione non fossero dirimenti, la maggioranza non ha voluto far mancare il suo 'regalo sotto l’albero' e quindi lasciare, almeno per ora, tutte le aliquote al massimo e bocciare la nostra proposta che avrebbe portato un'attenzione ed una maggiore esenzione alle fasce di reddito più basse".
3/1/2023 ore 5:10
Torna su