Giovedì 26/05/2022
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 00:20
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: il consiglio comunale approva le modifiche dello statuto del Sii, ma c'è chi ha votato contro
Non comprende il perchè alcune forze politiche abbiano votato contro alla modifica dello statuto del Sii. Sergio Bruschini (Forza Italia) usa il titolo di una nota canzone di Vasco ("C'è chi dice no") per stigmatizzare l'atteggiamento assunto da alcuni esponenti politici narnesi. Ed ha intitolato proprio con il noto 'refrain' di quella canzone il suo comunicato. "È stato modificato lo statuto del Sii - afferma Bruschini -. E fin qui ci siamo. Quello che però non riesco a comprendere è l'atteggiamento assunto da alcune forze politiche narnesi rispetto alla decisione di ottenere questo risultato. Faccio presente che si parla di modifiche fatte alle norme che regolano l'attività con i soci, che sono poi i comuni della provincia di Terni, zona ex Ati 4. Queste modifiche sono state votate dal Consiglio Comunale e pur essendo un provvedimento importante che migliora di molto la situazione dei comuni nei confronti dell'ente Sii, ci sono state alcune forze politiche che hanno votato contro o non hanno addirittura partecipato al voto. Tanto per essere chiari i Socialisti hanno votato contro ed il Movimento 5 Stelle non ha partecipato al voto. Eppure si trattava di modificare il nuovo statuto del Servizio Idrico Integrato, un provvedimento che va a vantaggio dei comuni e dei cittadini. Va sottolineato il fatto - afferma Bruschini -, che tra i tanti benefici che arriveranno ai comuni da queste modifiche, c'è anche quella riguardante un piano di investimenti di circa 30 milioni di euro che verranno impegnati dall'azienda per modernizzare i nostri vetusti acquedotti. E pensare - conclude Bruschini -, che coloro che oggi hanno detto 'no' a queste modifiche in passato sono stati tra quelli che si lamentavano proprio della rete idrica colabrodo".
1/12/2020 ore 10:45
Torna su