Venerdì 23/02/2024
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 23:42
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: i carabinieri denunciano 12 tifosi della Narnese per i fatti accaduti al termine della gara con il Foligno
Al termine dell’attività di indagine, avviata l’8 ottobre scorso a seguito della turbativa dell’ordine pubblico, avvenuta al termine della partita di calcio Narnese-Foligno, i carabinieri di Narni hanno deferito in stato di libertà 12 tifosi della squadra rossoblù. Tutti sono accusati di aver commesso, in concorso tra loro, una serie di reati. Nel comunicato diffuso dall'Arma si parla di “resistenza a Pubblico Ufficiale”, “istigazione a delinquere”, “istigazione a disobbedire alle leggi”. Sei di questi fitosi, sempre secondo quanto si legge nel comunicato dei carabinieri, sono stati denunciati anche per essersi travisati il viso con lo scopo di non farsi riconoscere ed un altro per il reato di “lesioni personali aggravate”. "La gara calcistica - prosegue la nota dei carabinieri - si era svolta presso il campo sportivo comunale 'Moreno Gubbiotti' di Narni e vi avevano assistito circa 300 spettatori locali ed una trentina di ospiti. Alle 17, a seguito del pareggio della squadra ospite arrivato all’ultimo minuto di gara, un gruppo di tifosi della Narnese, composto da circa 50/60 persone, usciva dal proprio settore e repentinamente si recava presso il cancello della tifoseria ospite presidiato dal dispositivo di militari della stazione carabinieri di Narni in servizio di ordine pubblico, come da ordinanza del Questore di Terni, cercando lo scontro fisico con la tifoseria ospite, in prevalenza formata da familiari dei giocatori, che rimanevano fermi nel loro settore. Il Comandante del dispositivo di sicurezza avanzava da solo verso il gruppo più attivo composto da circa 20 persone, di cui la cui maggior parte aveva il volto travisato da sciarpe, fazzoletti e bandiere, ordinando ad alta voce di sciogliere il raduno e desistere dal loro intento violento. Per tutta risposta il maresciallo veniva fatto oggetto di minacce verbali e tentativi di avvicinamento alla sua persona con intento violento. Durante tali fasi concitate nei pressi dell’ingresso lato ospiti giungevano circa 100 persone per assistere a quanto accadeva. La presenza di altre persone faceva proseguire il gruppo di tifosi locali che non intendevano aderire all’ordine di allontanamento e che di contro proseguivano con il reiterare le minacce rivolte sia verso i militari operanti, che non lasciavano loro il passo, sia verso il gruppo dei tifosi ospiti. La situazione tornava sotto controllo dopo circa 30 minuti, con l’arrivo di personale di rinforzo dell’Arma dei Carabinieri e della Polizia di Stato, che era stato impegnato a sua volta in analogo servizio in occasione dell’incontro calcistico Ternana-Palermo. Non vi sono stati fortunatamente feriti. I 12 tifosi saranno tutti segnalati alla Questura di Terni per l’irrogazione del provvedimento di Daspo ex Legge del 13 dicembre 1989".
9/12/2022 ore 14:15
Torna su