Giovedì 13/06/2024
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 05:27
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: Eleonora Pace e le emozioni provate nello sfilare nel corteo storico della festa
Ha sfilato in corteo anche quest'anno, la sera di sabato 13 maggio. Lo aveva fatto in passato e non una volta sola. Eleonora Pace è una delle tante contradaiole narnesi attaccatissima alla festa narnese. E delle emozioni che si provano nell'indossare quei costumi ne parla sempre con grande entusiasmo. "La sera del grande corteo storico - afferma la consigliera regionale -, abbandono i miei vestiti contemporanei e indosso uno splendido abito medievale, che con le sue stoffe ed i suoi velluti mi riporta indietro di oltre 700 anni, in una Narni antica, illuminata dalle fiaccole. Se chiudo gli occhi immagino quel mondo e mentre solco le vie del centro storico che fanno da sfondo alla rievocazione della processione del 1371 in onore di San Giovenale, il mio pensiero va alle donne del Medioevo e rifletto su come la nostra condizione sia cambiata in questo lungo lasso temporale. La donna, in quel Medioevo che noi a Narni ricordiamo con la Corsa all’Anello, era colei che doveva occuparsi della casa, dei figli e del marito. Non aveva alcun ruolo indipendente ed esterno a queste tre figure di riferimento. Era completamente sotto la tutela dell'uomo e non veniva considerata come un soggetto unico e dotato di personalità. Quanta strada è stata fatta da allora. Sembra retorica, ma è così. Queste poche righe non possono raccontare sette secoli di storia delle donne e delle loro conquiste, ma possono dirci dove siamo arrivate. Oggi, abbiamo una presidente del Consiglio, che incarna, forse metaforicamente, il traguardo raggiunto dalle donne. Una donna, per la prima volta, che siede sullo scranno più importante del Paese. Ma come lei, ce ne sono tante di donne che oggi hanno saputo porsi degli obiettivi vincenti e ricoprono ruoli importanti, dimostrando le loro capacità, in un mondo dove hanno saputo affermarsi con grande coraggio. Nella mia attività di consigliere regionale, ne incontro tante così. E tutte loro hanno molto da raccontare, da insegnare. Io faccio tesoro della loro esperienza e metto sempre un po' del loro vissuto nella mia vita privata e professionale. Vita impegnativa che mi ha permesso grazie alla tenacia, scusate se mi permetto, propria delle donne, di raggiungere grandi obiettivi e di cercare di fare sempre tutto il possibile per migliorare me stessa ed il territorio in cui vivo. Ma torniamo al corteo ed a quell’abito che mi fa sognare. Per me, narnese che ha sempre vissuto la città e la Corsa all’Anello in toto, partecipare al grande corteo storico è sempre un’emozione. Ogni anno è come se fosse la prima volta. Il trucco ed il parrucco, poi la vestizione ed infine la discesa in piazza dei Priori, dove vedo schierarsi tutto il corteo, meraviglia per gli occhi e per il cuore. Poi la partenza, quello stesso cuore che batte forte e la mia città, tutta intorno che si veste a festa e mi accompagna lungo le sue suggestive vie. E poi il giorno della gara equestre, della Corsa all’Anello, che non mi perderei per niente al mondo. Ancora quel vestito, l’orgoglio di indossarlo e poi l’adrenalina della giostra. Chi vive tutto ciò non può non provare emozione. Ma se sei narnese, è tutto amplificato. Perché è cuore e anima. È tradizione, è senso di appartenenza. È Narni. Ma, ora lasciamo da parte le emozioni da cittadina contradaiola, togliamo la veste di velluto e rindossiamo gli abiti contemporanei, da consigliere regionale. La Corsa all’Anello è una delle manifestazioni storiche più importanti dell’Umbria ed è quella che apre la stagione in Umbria. E’ innegabile l’importanza della Corsa per il nostro territorio, importante volano per il turismo, sta crescendo sempre di più diventando una delle punte di diamante del cartellone di eventi. Tanto è stato fatto e molto c’è da fare. La Regione garantirà sempre il suo supporto alla Corsa. Ed io, Eleonora, continuerò ad emozionarmi con essa".
19/5/2023 ore 11:28
Torna su