Mercoledì 28/09/2022
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 09:25
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni, duro attacco di Flc-Cgil: "a sette lavoratrici del servizio di prima infanzia è stato ridotto l'orario di lavoro"
Alle scuole di prima infanzia di Narni orario ridotto a sette dipendenti e nessun incontro con i sindacati. E’ quanto denuncia in una nota la Flc-Cgil Terni. "Con il cambio di appalto che ha portato, ormai da un anno, il servizio della prima infanzia ad essere assegnato alla coop. Gialla - afferma il sindacato -, sette lavoratrici si ritrovano un contratto di part-time involontario. Questo è il 'premio' riservato a chi, con la propria professionalità, ha fatto sì che il servizio della prima infanzia di Narni fosse unanimemente riconosciuto come un fiore all’occhiello del welfare cittadino. Ma, evidentemente, della qualità del servizio garantita dalle capacità e competenze di coloro che in quel servizio lavorano ogni giorno, quando si tratta di appalti ed esternalizzazioni a pochi interessa. Tuttavia – continua il sindacato – almeno fino ad ora l’amministrazione comunale è meritoriamente riuscita a metterci una pezza, impegnandosi a garantire un aumento di ore tale da permettere a tutte le operatrici di raggiungere l’intero orario lavorativo. Un impegno che l’Ente locale, con la vecchia amministrazione, si è impegnata a garantire anche per i prossimi anni e ci auguriamo davvero che da piazza dei Priori mantengano i patti, specialmente dopo l’estate che le lavoratrici della prima infanzia e dei centri estivi narnesi sono state costrette a passare. Tutte le operatrici dei centri estivi del territorio narnese hanno infatti dovuto lavorare su turni di lavoro con orario ulteriormente ridotto. Una decisione presa unilateralmente dall’azienda che gestisce il servizio, la coop. Gialla, comunicata alle dipendenti solo tre giorni prima dell’apertura dei centri estivi". "Diverso tempo prima dell’apertura dei centri estivi - afferma il segretario della Flc Cgil Terni, Marco Vulcano -, vedendo che tutto era fermo, come sindacato abbiamo sollecitato sia il Comune che la coop. Gialla ad adoperarsi per garantire una buona funzionalità del servizio, ma ancora a metà maggio ci rispondevano che parlare di centri estivi, la cui partenza è a inizio luglio, fosse prematuro e ora i risultati sono sotto gli occhi di tutti: i centri estivi hanno aperto in fretta e furia, con una rata molto più esosa dello scorso anno a gravare sulle famiglie narnesi già provate dalla crisi e con tempi di iscrizione molto più brevi che negli anni scorsi; talmente brevi che diverse famiglie non sono riuscite a iscrivere i propri figli. Così la presenza di bambini ai centri sono crollate e l’azienda ha pensato bene di scaricare le proprie inefficienze sulle lavoratrici, riducendo il loro orario di lavoro. Per affrontare e risolvere questa situazione abbiamo chiesto incontri urgenti – prosegue la Flc Cgil – sia all’azienda che al Comune, ma da circa un mese non abbiamo avuto nessuna risposta. Una modalità di relazione decisamente scorretta, quella mostrata da azienda e Comune, che denota come da queste parti i roboanti proclami elettorali che parlavano di amministrazione dialogante e attenta all’ascolto abbiano presto lasciato il posto a una nuova parola d’ordine: la disintermediazione sociale. Ci auguriamo – conclude il sindacato – di ritornare ad avere nell’Amministrazione narnese, e nella coop. Gialla, degli interlocutori seri. In caso contrario valuteremo tutte le azioni tese a tutelare la qualità del servizio della prima infanzia narnese e i diritti di chi vi valora".
(Nella foto una delle scuole dell'infanzia narnesi)
12/8/2022 ore 14:05
Torna su