Mercoledì 19/06/2024
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 03:17
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni, Bruschini (Forza Italia), attacca la giunta: "inutile farsi belli, le cose non fatte sono ancora tante"
"Sento parlare da parte dei nostri assessori, di 'magnifiche iniziative' portate avanti nel corso del 2023. Io tutte queste magnificenze non le ho viste, quindi denoto una forte mancanza di obiettività da parte dei nostri amministratori che meglio farebbero a volare più basso". Il commento caustico di Sergio Bruschini arriva sullo scadere dell'ultimo giorno dell'anno. "I nostri amministratori - continua il capogruppo di Forza Italia -, non fanno il minimo accenno alle tante promesse mancate, alle inefficienze ed agli obiettivi non raggiunti. Il 2023 è l’anno verrà ricordato come l'anno in cui questa giunta si è lasciata 'scippare' l'area della ex Spea, 70 ettari di territorio indispensabili per garantire un futuro importante alla nostra città. Che dire poi del fallimento del progetto di rilancio della Rocca Albornoz, con la tanto sbandierata mostra 'Street Art' saltata dopo l'inaugurazione preceduta da annunci roboanti. Risultato: per l'ennesima volta la nostra Rocca rimane al palo e dovrà aspettare ancora un vero progetto di utilizzo e di rilancio. Sento parlare, da parte degli assessori - continua Bruschini -, di attenzione ai centri civici, ma ci si dimentica di dire che sono scadute da anni tutte le convenzioni che regolano le loro attività e non si è provveduto ancora al loro rinnovo. Narni è purtroppo una città che aspetta da decenni la realizzazione di importanti opere infrastrutturali che sono indispensabili al suo sviluppo e che nonostante i 24 milioni di euro che arriveranno, tra fondi Pnrr e risanamento della qualità dell'aria, rimangono sulla carta. L'ampliamento del parcheggio del Suffragio è un'opera diventata urgentissima insieme a quella riguardante la realizzazione di un'area camper. Ci sono poi la piazza a Narni Scalo, la piscina comunale, le rotonde agli svincoli di Ponte San Lorenzo e Vigne ed ancora il progetto di 'Leolandia', idea ormai quasi dimenticata, per non parlare del piano per l'eliminazione delle barriere architettoniche, idea condivisa da tutto il Consiglio ma rimasta nei cassetti. Parliamo poi del mancato completamento del 'Campo dei giochi', la cui gestione è stata affidata all'associazione Corsa all'Anello'; qui si tratta di fare interventi importanti ed urgenti. Questa giunta - aggiunge Bruschini -, non è riuscita ad elaborare e far partire nessun progetto di finanza con gli imprenditori. La città aspetta da anni soluzioni per il castello di 'San Girolamo', la cui proprietà è si di un privato ma che conclusasi la vicenda giudiziaria, prevedeva importanti promesse di utilizzo in convenzione. Ricordo, infine, il Piano regolatore. Un piano da modificare, non più adeguato ad una città in forte decremento demografico e obsoleto rispetto alle esigenze che risultano mutate dopo 20 anni dalla sua approvazione. Anche qui parliamo di una promessa non mantenuta, almeno fino ad ora. Le tasse applicate al massimo consentito, sia per quanto riguarda l'Imu che per l'Irpef, non fa certo contenti i cittadini; nessuna politica fiscale di riduzione nonostante un bilancio tecnico in ordine lo permetterebbe. Che dire, poi, della macchina comunale e della pianta organica che da tempo immemorabile non viene rinnovata rispetto alle mutate esigenze di un comune moderno; essa prevede oltre 160 dipendenti a fronte di soli circa 90 occupati. Insomma con 24 milioni di euro, che arriveranno grazie all'Europa ed al nostro Governo, si potrebbero fare molte più cose per cambiare volto alla città. I progetti fin qui presentati pur se importanti, soprattutto in riferimento alla realizzazione delle due bretelle di collegamento, non bastano a sanare le problematiche del nostro territorio, troppi, tanti punti rimangono insoluti. Non ci resta che sperare che le cose cambino nei prossimi anni".
2/1/2024 ore 3:05
Torna su