Giovedì 26/05/2022
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 01:11
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: è morto Loris Verginelli, il ragazzo buono ed elegante che si fermava a parlare con tutti
Apprendiamo con dispiacere della scomparsa di Loris Verginelli. Un uomo conosciuto da tantissimi narnesi. Aveva 57 anni, ma nonostante l'età, egli aveva conservato quella sua immagine di eterno ragazzo. Un bravo ragazzo, che non passava inosservato per il suo modo gentile ed affabile di rapportarsi con le persone. Loris è morto questa mattina nella sua abitazione di Narni Scalo. Da alcuni anni soffriva di una grave malattia che ha pian piano logorato il suo fisico. Parlare di Loris è fin troppo facile. Sebbene risiedesse a Narni Scalo egli frequentava da tanti anni "Il Faro", il centro diurno operante nell’ambito territoriale narnese-amerino, che quotidianamente ospita adulti con handicap che svolgono tante attività. Ogni giorno, per tanti anni, Loris lo si poteva incontrare insieme agli altri ragazzi e ragazze del "Faro", lungo via Mazzini o in piazza dei Priori, negli orari di uscita o di entrata dal centro. Incontrare il gruppo dei frequentatori del "Faro" è sempre stato piacevole e non c'è una volta che qualcuno di loro non ti rivolge un saluto. Il carattere particolarmente socievole di Loris gli aveva permesso di distinguersi dal resto della compagnia. Con lui era piacevole fermarsi a parlare. Gli argomenti non mancavano mai. E quando gli si faceva notare il suo buon gusto nel vestirsi e la ricercatezza di certi accessori, il suo sguardo si illuminava. Si perchè Loris, oltre ad avere tante belle qualità come persona, è sempre stato un tipo molto elegante. Era raro non vederlo in giro senza giacca e cravatta. Ci teneva molto al suo abbigliamento e dunque era contento se gli si faceva notare che la sua eleganza non passava inosservata. L'immancabile borsello a tracolla, poi, lo faceva sentire ancora più importante. E che dire dei tanti Carnevali durante i quali i ragazzi e le ragazze del "Faro" organizzavano dei gruppi mascherati, belli, colorati e divertenti? Loris, anche in queste occasioni, sapeva mettersi in evidenza ed indossava con fierezza il costume che gli era stato assegnato. Insieme ai suoi compagni si mischiava nella etereogena folla di grandi e piccini che a quei tempi, in occasione del Carnevale, gremiva piazza dei Priori e le vie limitrofe. Loris è stato uno di quei narnesi che, con un modo tutto suo, ha donato tanto alla città. Era buono, simpatico e voleva bene a tutti. Da qualche anno la malattia lo aveva costretto a letto, ma, nonostante la sofferenza, egli ci teneva a non spezzare il filo che lo teneva unito ai suoi amici. Lo faceva attraverso i social, perchè lui aveva un profilo dove faceva postare le foto che lo ritraevano. Ha continuato a farlo anche nei momenti più dolorosi della sua malattia. Dava il buongiorno a tutti, facendo commuovere ognuno di noi. La notizia della sua scomparsa è rimbalzata in città verso l'ora di pranzo, destando cordoglio e tanta tristezza. A ricordarlo sono anche gli operatori de' "Il Faro" e la stessa dottoressa Nicoletta Valenti, responsabile dell'Unità Operativa di Psicologia per disabili adulti della Usl 2, che ha conosciuto Loris sin dal primo giorno in cui egli mise piede nel centro diurno. "La scomparsa di Loris - ha detto la dottoressa Valenti a Narnionline -, mi addolora tantissimo. Con me egli ha sempre avuto un rapporto speciale che andava al di là del ruolo che la mia professione mi impone. Sempre molto socievole, allegro e presente soprattutto verso chi aveva un maggiore bisogno di aiuto. Attento a tutti gli umori degli altri, il primo a ricordarsi degli onomastici, dei compleanni ed a regalarti un fiore. Se incontrava delle persone che non conosceva, si presentava e subito aveva memorizzato tutta la loro vita. Da me voleva essere ascoltato in privato tutti i giorni per discutere dei suoi amori e della sua famiglia. Siamo cresciuti insieme. Effettuava a tutti numerose telefonate perché voleva sapere sempre come stavano gli altri. Una persona d'altri tempi, si direbbe che ha intrattenuto tutti noi con la sua voglia di viaggiare. Se veniva a conoscenza della programmazione per delle gite future, subito si attivava per darci informazioni utili per la prenotazione degli alberghi e per le visite guidate ai siti culturali. Non ci dimenticheremo mai della sua spiccata simpatia e delle sue imitazioni. Ho provato un grande dispiacere nell'apprendere che ci ha lasciato e seguivo da molto tempo l'evolversi della malattia che ce lo ha portato via".
I FUNERALI MARTEDI 25 GENNAIO
I funerali di Loris avranno luogo martedi 25 gennaio, alle 15, presso la Chiesa di Sant'Antonio a Narni Scalo. Loris lascia la mamma Ivana, alla quale la redazione di Narnionline rivolge un commosso ed affettuoso saluto.
24/1/2022 ore 18:05
Torna su