Lunedì 15/07/2024
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 17:28
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Impianto di digestione anaerobica in Strada delle Treie, Bruschini (FI): "Un progetto che non condividiamo"
Mostra perplessità riguardo al "nuovo impianto digestione anaerobica e compostaggio con fanghi" che dovrebbe essere realizzato in Strada delle Treie. Sergio Bruschini (Forza Italia) ricorda che "si tratta di un impianto che lavorerà frazione organica del rifiuto solido urbano e compostaggio con fanghi". "Sull'argomento - continua - molta attenzione è posta da parte dei cittadini preoccupati circa l'impatto che tale attività potrebbe avere. Non va dimenticato, infatti, che la zona è già gravata da diverse problematiche ambientali dovute alla presenza di altre aziende. Il procedimento autorizzativo è in atto e ciò che stupisce sono state le affermazioni dell'amministrazione narnese riguardo al fatto che di tutto ciò il comune di Narni sia totalmente esente da ogni responsabilità e coinvolgimento in questa procedura. L'atteggiamento del Comune 'di volersi tirar fuori', vista la complessità e la problematicità che comporta l'argomento, non è certo condivisibile. Innanzitutto - sottolinea Bruschini -, va fatta una premessa: questa installazione se sarà resa possibile lo si deve ad un Prg che, comunque, consente in questa zona simili impianti e non mi sembra che siano state fatte varianti o altro per tutelare l'ambiente già gravato da troppi insediamenti industriali. Vediamo, poi, lo stato dell'arte del procedimento ove si evince che i soggetti interessati e coinvolti sono molteplici. Tra questi ci sono ovviamente il Comune di Narni e gli stessi cittadini. La società interessata - ricorda Bruschini - ha presentato istanza di Paur (Provvedimento Autorizzativo Unico Regionale) alla Regione Umbria per la realizzazione di un impianto di digestione anaerobica di Forsu (frazione organica del rifiuto solido urbano) e compostaggio con fanghi, in Strada delle Treie. A seguito della verifica della completezza dell’istanza e delle integrazioni documentali del proponente, il 29.09.2023 è stato pubblicato l’avviso al pubblico, dalla cui data decorrono i termini di 30 giorni, per eventuali osservazioni sul progetto da parte di cittadini ed eventuali comitati. In questo senso c'è la possibilità da parte dei cittadini di intervenire nel procedimento. Dopo il 28.10.2023 - sottolinea Bruschini -, le eventuali osservazioni pervenute verranno trasmesse ai soggetti che partecipano al procedimento per l’esame ed eventuali richieste di integrazioni al soggetto proponente, che, a sua volta, avrà 20 giorni di tempo per presentarle. Al procedimento di Paur, che ha una durata massima di 400 giorni, partecipano il Comune di Narni ed Vigili del Fuoco – Comando provinciale di Terni in qualità di rappresentante unico per le Amministrazioni periferiche dello Stato e pertanto rappresentano anche la Soprintendenza, la Provincia di Terni e la Regione Umbria. Quest'ultima, ai fini della definizione della posizione unitaria del Rappresentante Unico, ai sensi della Dgr 305/2017, ha convocato la conferenza di servizi istruttoria interna alla quale partecipano i soggetti riconducibili alla Regione, ovvero: Arpa Umbria, Azienda Usl Umbria 2 – Dipartimento di Prevenzione, Auri, Agenzia Forestale Regionale, e i Servizi regionali: urbanistica, riqualificazione urbana e politiche della casa, tutela del paesaggio, rischio idrogeologico, idraulico e sismico, difesa del suolo, risorse idriche, acque pubbliche, attività estrattive e bonifiche, energia, ambiente, rifiuti, foreste, montagna, sistemi naturalistici e faunistica-venatoria, sezione Aua. Alla luce di tutto ciò - conclude Bruschini - ci chiediamo quale sarà la posizione che assumerà il Comune di Narni alla conferenza dei servizi".
9/10/2023 ore 3:23
Torna su