Lunedì 15/07/2024
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 16:33
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
I carabinieri arrestano un 54enne per atti persecutori e maltrattamenti nei confronti della sua ex compagna
I carabinieri della stazione di Terni hanno tratto in arresto un 54enne ternano, con precedenti penali. L'uomo è accusato di "atti persecutori e maltrattamenti in famiglia" che, a partire dal 2018, avrebbe posto in essere nei confronti della sua ex compagna". Stando alla ricostruzione fatta dai militari, gli atti persecutori sarebbero sfociati, nello scorso mese di gennaio, in "una violenta aggressione fisica". "L’evento denunciato ai carabinieri - si legge in un comunicato dell'Arma -, è stato immediatamente individuato nell’alveo del 'Codice Rosso' e sono state attivate tutte le procedure previste per Legge, informando contestualmente la Procura della Repubblica ternana. La vittima, madre di un bambino avuto dall’uomo arrestato, nel corso degli ultimi anni sarebbe stata costretta a subire ogni sorta di umiliazione e violenza che l’hanno portata, in diverse occasioni, a ricorrere alle cure ospedaliere. Per vergogna e per paura del compagno - prosegue la nota dei carabinieri -, la donna si è vista costretta a mentire ai medici sulle motivazioni per cui ricorreva alle cure ospedaliere. Una volta trovato il coraggio di lasciare l’abitazione del compagno ed andare a vivere con il loro bambino in un’altra zona della città, l’uomo ha iniziato a porre in essere una serie di comportamenti persecutori, offuscato dalla gelosia, con continue telefonate, minacce, offese ed anche aggressioni fisiche, l’ultima delle quali ha convinto la donna a rivolgersi ai carabinieri. Le risultanze investigative, le testimonianze raccolte e gli accertamenti del caso hanno concretizzato la necessità di privare l’indagato della libertà personale per interrompere le sue azioni delittuose e pertanto il Gip del Tribunale di Terni ha emesso la misura afflittiva più grave, associandolo alla locale casa circondariale".
29/2/2024 ore 13:15
Torna su