Giovedì 29/09/2022
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 04:26
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Giovedi 2 settembre al San Domenico presentazione del libro di Roberto Nini "Il bigamo di Narni"
Tutto è nato da un'intuizione di Roberto Nini. E' stato nei polverosi archivi irlandesi del 'Trinity College' di Dublino, tempo fa, che questa storia ha avuto inizio. Come detto, grazie all'intuito e alla perseveranza dell'archeologo Roberto Nini e dei suoi collaboratori di "Narni Sotterranea", sono tornati alla luce una serie di incredibili documenti della prima metà del '700. Questi documenti fanno, finalmente, definitiva luce sulla storia dell'Inquisizione a Narni. Si tratta di un interno processo svoltosi nelle segrete del convento domenicano di Santa Maria Maggiore contro un eretico, scampato miracolosamente ai saccheggi napoleonici, grazie ad una serie di fortunate coincidenze e finito nella capitale irlandese. Circa 600 pagine scritte da notai dell'epoca che riportano puntualmente i fatti, le testimonianze, le confessioni, le condanne ma soprattutto descrivono nei particolari luoghi e persone del tempo. Grazie alla ricca mole di dati è possibile ricostruire la vita di un contadino della zona di Todi, Domenico detto Sciabocco e di sua moglie Maria Giulia, che abbandona per i continui dissidi con il suocero. Viene narrato il suo vagare da un padrone all'altro fino al suo arrivo a Narni dove decide di sposare Elisabetta, una fruttivendola vedova e per far ciò dichiara falsamente di essere celibe. Scoperta la sua bigamia, dopo lunghe ricerche viene catturato e rinchiuso nella segreta del Sant'Uffizio di Narni, da dove riuscirà a fuggire uccidendo Giuseppe Antonio Natili, il carceriere che gli aveva portato il pranzo. L'Inquisizione si metterà sulle sue tracce ma l'epilogo non lo sveliamo perché la ricca mole di dati è stata ora pubblicata nel volume "Il bigamo di Narni - Storia di un uomo e di un omicidio nell'Inquisizione del XVIII secolo" - Edizioni Il Formichiere di Foligno - che verrà presentato al grande pubblico giovedì 2 settembre alle 17,30 presso la chiesa di San Domenico, sopra ai luoghi che furono testimoni silenti del fatto di sangue. E poiché questa storia, come tante altre, è scritta grazie ai documenti, che possono essere anche narrati, contestualmente verrà presentato il libro "Tutto quel che resta" - Edizioni Morphema di Terni - di Moira Sperandei, anch'essa legata a Narni Sotterranea, che ha voluto far emergere l'anima degli stessi protagonisti attraverso un piacevole e suggestivo racconto delle loro vite. Ne parleranno con gli autori il prof. Mario Squadroni, presidente della Deputazione di Storia Patria per l'Umbria e dell'Anai Umbria e l'artista scrittrice Laura Alescio. L'ingresso sarà regolato secondo le norme vigenti anti Covid.
31/8/2021 ore 11:23
Torna su