Giovedì 29/09/2022
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 10:56
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Covid-19: studenti universitari di fuori regione hanno preferito rimanere a Narni in questo periodo di emergenza
Hanno deciso di non spostarsi, per il rispetto della propria e della altrui salute. Stiamo parlando di numerosi studenti universitari che risiedono a Narni. A confermare la notizia è Fabrizio Veneri, un imprenditore, proprietario di alcuni immobili che vengono da anni affittati agli studenti provenienti da fuori regione. "Credo che - spiega Veneri -, sia da apprezzare il comportamento di questi ragazzi e ragazze, molti dei quali sono originari di regioni del nord Italia, dove il virus del Covid-19 sta creando gravi emergenze sanitarie. Gli studenti, che risiedono negli appartamenti di Palazzo Barilatti e negli altri del centro storico che sono di nostra proprietà, hanno deciso di rimanere a Narni in questo periodo. Una scelta difficile, perchè si tratta di ragazze e ragazzi molto giovani e che quindi avvertono indiscutibilmente la mancanza delle loro famiglie. Come i famigliari di questi giovani sono in apprensione avendo i loro figlioli lontano da casa. Per quanto ci riguarda - sottolinea Fabrizio Veneri -, stiamo facendo del tutto per metterci a disposizione dei nostri 'inquilini', assistendoli in quelle che possono essere le loro necessità contingenti. Siamo anche i contatto con le loro famiglie, che cerchiamo di rassicurare ogni giorno. Insomma - conclude Veneri -, ritengo che il comportamento responsabile di questi giovani meriti di essere portato all'attenzione dei cittadini, perchè, a differenza di atteggiamenti irresponsabili tenuti in altre parti d'Italia da giovani che sembrano non aver capito la gravità della situazione che stiamo vivendo, gli studenti universitari narnesi stanno dimostrando grande maturità ed un alto senso civico".
(Foto di repertorio, presa dalla Rete)
16/3/2020 ore 4:43
Torna su