Martedì 25/01/2022
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 20:34
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Controlli dei carabinieri in alcune attività commerciali: multe salate ai titolari per il mancato rispetto delle norme anti-Covid
I carabinieri di Terni hanno effettuato una serie di controlli in alcune attività commerciali di Terni. In azione i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile e quelli della stazione del capoluogo. Con loro anche i carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Terni e del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità di Perugia. Le attività di controllo hanno riguardato una rivendita di generi alimentari al dettaglio, una macelleria ed un bar/alimentari. Al titolare della prima attività sono stati contestati: l’impiego all’interno dell’esercizio di un lavoratore “in nero”, privo di qualsivoglia contratto, nonché la violazione della normativa anti-contagio da Covid-19 sempre per la presenza del lavoratore irregolare. All’uomo sono state inoltre sequestrate 17 confezioni di generi alimentari (carni e spezie nello specifico) poiché in contravvenzione alla disciplina europea sui controlli effettuati per garantire l’applicazione della legislazione sugli alimenti (Reg. ue 625/17). Gli è stata inoltre contestata la violazione amministrativa per la mancata attuazione delle procedure di autocontrollo in materia di sicurezza alimentare cha ha comportato una contravvenzione di 2.000euro. Al titolare della macelleria è stata contestata la violazione della normativa anti-contagio da Covid-19 in l'uomo non indossava i previsti dispositivi di protezione individuale. Inoltre all'interno del negozio non era presente alcuna cartellonistica Covid-19 e non sono risultate rispettate altre normative previste dal protocollo, tipo la mancanza di liquidi igienizzanti. All'esercente è stata inoltre contestata la violazione amministrativa per la mancata attuazione delle procedure di autocontrollo in materia di sicurezza alimentare con la conseguente contravvenzione di 2.000euro. Il titolare della terza attività è stato diffidato per delle inadeguatezze igienico– sanitarie riscontrate.
3/12/2021 ore 10:55
Torna su