Lunedì 26/09/2022
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 18:35
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Badante licenziata si "vendica" rubando capi di abbigliamento ed altri oggetti alla sua assistita, rintracciata e denunciata
Un episodio singolare che ha visto come protagonista una donna straniera di 58 anni. I fatti si sono svolti a Fabro, nell'alto orvietano. E' qui che la donna faceva la badante ad una signora. Il rapporto tra le due parti ad un certo punto si sarebbe interrotto e la badante è stata licenziata. Questa, però, non deve aver preso bene la decisione della sua assistita, così, prima di andarsene, ha portato con sè numerose cose appartenenti alla signora. Da qui la denuncia in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Terni, fatta dai carabinieri di Fabro. La badante straniera è accusata di furto aggravato e porto di armi atti ad offendere. "I fatti - si legge in un comunicato diffuso dal comando provinciale dei carabinieri di Terni -, si sono svolti nel tardo pomeriggio del 9 febbraio scorso quando i militari della stzione di Fabro, a seguito della denuncia da parte di una residente del posto nei confronti della badante appena licenziata, si sono attivati per la ricerca della straniera, rintracciata poco dopo presso il locale scalo ferroviario dove stava attendendo il treno per fare rientro presso la sua residenza in Roma. Una volta rintracciata, la ormai ex badante, è stata sottoposta a controllo, rinvenendo nella sua disponibilità numerosi capi di vestiario, profumi ed altre suppellettili per uso domestico tra cui un grosso coltello da cucina, sottratti all’interno dell’abitazione della denunciante". Secondo quanto ricostruito dai militari, "le motivazioni che avrebbero portato la 58enne a compiere quel gesto, sarebbero riconducibili alla disapprovazione per il licenziamento dall'attività di badante presso la vittima". La conoscenza del territorio ed il tempestivo intervento da parte dei carabinieri, hanno fatto in modo che la vicenda si concludesse con un lieto fine, recuperando e restituendo gli oggetti alla legittima proprietaria e il deferimento alla competente autorità giudiziaria dell’autrice.
17/2/2022 ore 10:45
Torna su