Domenica 17/12/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 18:33
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Vicenda Elettrocarbonium, la Morex accusa le istituzioni di immobilismo e parla di danni irreversibili
Dopo l'incontro di martedi 26 gennaio al Mise, la Morex, per bocca del suo amministratore delegato, fa il punto della situazione. "A seguito dell'incontro tenutosi presso il Ministero dello Sviluppo Economico - afferma Michele Monachino -, abbiamo dovuto prendere atto del grave stato di immobilismo decisionale relativamente alla trattativa in corso tra Mise, Regione Umbria e Sgl per la definizione della questione legata alla bonifica del sito industriale di Narni. Questo drammatico e reiterato ritardo, senza voler entrare nel merito delle motivazioni delle parti, determina purtroppo un grave e, probabilmente, irreversibile danno all'attività industriale di Elettrocarbonium compromettendone seriamente la continuità. Mi preme sottolineare - sottolinea Monachino - che la lentezza con cui viene portata avanti la trattativa danneggia Elettrocarbonium senza che l'azienda possa intervenire per salvaguardare il proprio futuro, in quanto spettatrice passiva rispetto a tale questione. Cè grande rammarico e tristezza - conclude l'a. d. della Morex - nel vedere vanificati a causa dell’atteggiamento delle Istituzioni, tutti gli sforzi profusi in questi mesi dal sottoscritto, dai lavoratori, dai managers e dai consulenti che con sacrificio, passione e determinazione hanno contribuito alla ripartenza dell’attività".
(Nella foto l'amministratore delegato dell'Elettrocarbonium, Michele Monachino)
27/1/2016 ore 16:23
Torna su