Domenica 30/04/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 18:41
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Verso le elezioni: si rompe il "legame" tra Tutti per Narni e Sinistra per Narni
Un fuoco di paglia. Durato il tempo necessario per creare, forse, delle false illusioni. Non si potrebbe definire diversamente il "feeling" che negli ultimi tempi ha unito le liste civiche Tutti per Narni e Sinistra per Narni. Stando alle recenti dichiarazioni fatte dalle segreterie provinciali dei Comunisti Italiani e di Rifondazione Comunista, infatti, la sinistra radicale č pronta a candidare un proprio personaggio. Chi aveva pensato, dunque, che il feeling fra TpN e SpN continuasse anche in vista delle elezioni e portasse ad un accordo, rimarrā con ogni probabilitā deluso. I due gruppi politici avevano iniziato a "tubare" tra loro quando il capogruppo di SpN aveva deciso di abbandonare gli scranni della maggioranza per passare all'opposizione. Un'opposizione svolta da quel giorno con determinazione e coerenza e condivisa su larga scala con il resto dei partiti "nemici" di De Rebotti e della sua giunta. Un affiatamento che aveva visto Sinistra per Narni lavorare spesso a stretto contatto di gomito proprio con Tutti per Narni. Ora che questa unione sembra destinata ad essere sciolta in casa TpN dovranno essere riviste alcune questioni. Gianni Daniele, ovvero il candidato a sindaco di TpN, non si fa illusioni e sa bene che ben difficilmente Rifondazione e Partito Comunista faranno marcia indietro, quindi sa anche che l'alleanz con Sinistra per Narni č destinata a chiudesri con questa legislatura. "Abbiamo preso atto della decisione presa dai partiti della sinistra - afferma Alessandro Amici, capogruppo di Tutti per Narni -. Rimane il rispetto e la stima per il 'Compagno' Novelli, che reputo l'unico e l'ultimo 'comunista' presente in consiglio. Staremo, comunque, a vedere. Il nostro progetto non cambia. E con esso non cambiano i nostri obiettivi, che sono quelli votati a: servizio, trasparenza, legalitā, competenza e cambiamento. Se avremo 'contaminazioni' sarā solo attraverso il rispetto di questi criteri'.
16/1/2017 ore 3:23
Torna su