Mercoledì 28/06/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 19:34
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Treie: Tutti per Narni annuncia l'ampliamento di una fabbrica chimica della zona e lancia l'allarme sui pericoli per l'ambiente
Un ampliamento. Che non fa stare tranquilli quelli di Tutti per Narni. L'ampliamento riguarderebbe una fabbrica chimica che si trova tra Nera Montoro e Treie. Stando a quanto dicono da TpN il ventilato ampliamento potrebbe avere delle ripercussioni negative sull'ambiente. "Ci troviamo di nuovo di fronte - scrivono in un comunicato gli esponenti di Tutti per Narni -, ad una situazione di cui nessuno sapeva niente. Il sindaco ed i suoi amministratori sono attivissimi su tutti i social network, dove condividono notizie ed aggiornamenti. Ma a quanto pare non tutti. È stata una scelta chiara - si legge nella nota -, quella di non divulgare attraverso i mezzi più utilizzati dai cittadini la notizia che è in progetto l'ampliamento dello stabilimento di lavorazione di prodotti chimici Rivalco di Treie. Ancora una volta tutti sono all'oscuro di una notizia tanto importante e di un fatto che, se si realizzerà, non farà altro che produrre un ulteriore 'stupro' di un territorio già martirizzato da impianti, industrie, depositi ed altro. Per non parlare dell'aumento dei pericoli derivanti dal maggiore traffico dei mezzi che fino a Treie trasporteranno grandi quantità di rifiuti pericolosi da trattare. A fronte di questo cosa abbiamo? Probabilmente soltanto una bassissima ricaduta sul fronte occupazionale. Noi - concludono da TpN -, solleviamo la questione per fare chiarezza da un punto di vista politico, senza tuttavia trascurare gli aspetti che attengono le questioni ambientali. In ragione di ciò ribadiamo la necessità, da sempre inascoltata dai nostri amministratori, di redigere un piano che individui zone idonee alla realizzazione di impianti critici, affinché non continuino a nascere ovunque e non continuino a destabilizzare realtà già fortemente compromesse".
4/2/2017 ore 3:45
Torna su