Lunedì 10/08/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 04:33
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Trapianti: importanti apprezzamenti da parte dell'Istituto Superiore di Sanità per il centro policlinico di Monteluce
Il Centro Regionale di Riferimento Trapianti situato presso l’Ospedale Policlinico di Perugia – Monteluce e diretto dal professor Cesare Gambelunghe ha ricevuto dall’Istituto Superiore di Sanità (Iss) – Centro Nazionale Trapianti, la certificazione con livello di giudizio “ottimo“ per ciò che riguarda l’immunogenetica e l’immunologia dei trapianti. Tali attività di laboratorio sono indispensabili per l’inserimento e il mantenimento dei pazienti nelle liste di attesa, per verificare il grado di compatibilità tra ricevente e donatore, e sono anche necessarie anche per lo studio di altre patologie su base genetica. L’Istituto superiore di sanità ha giudicato anche “ottime” le caratteristiche tecniche possedute dal Centro Trapianti di Rene situato presso l’Ospedale Silvestrini di Perugia e diretto dal professor Umberto Buoncristiani. L’assessore regionale alla sanità, Maurizio Rosi ha espresso “profonda soddisfazione per un riconoscimento qualitativo che premia un settore di attività di grande rilievo nel Piano sanitario regionale che, insieme alla garanzia dell’universalità delle prestazioni ed alla qualità generale dei servizi, individua anche nelle strutture di eccellenza i suoi punti di forza”.
Il direttore del Centro regionale, Gambelunghe, ha detto che la certificazione dell’Iss “gratifica il lavoro constante e proficuo di un complesso di strutture e professionalità, a cominciare dai Centri di Rianimazione locali, attivi nel mantenimento degli organi da trapiantare. Essenziale poi l’opera dei chirurghi che hanno acquisito una consistente esperienza nelle operazioni di prelievo e trapianto e della Nefrologia che assiste oltre 480 pazienti nelle fasi pre e post trapianto. E viene premiata anche l’attività del Centro regionale trapianti che opera in stretta collaborazione con le strutture umbre di prelievo e trapianto di organi per la gestione delle liste di attesa, la scelta dei riceventi più compatibili per il trapianto, il follow-up per il controllo della sopravvivenza dei pazienti e per il mantenimento delle funzioni degli organi trapiantati. L’intera organizzazione pluridisciplinare – ha concluso Gambelunghe -, ha permesso di raggiungere questo risultato che è riservato ai migliori centri di trapianto del territorio nazionale”.
2/8/2005 ore 11:30
Torna su