Domenica 12/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 04:13
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Terni: il sindaco Raffaelli ha consegnato al ministro Rutelli il dossier relativo all'inserimento della Cascata delle Marmore nell'Unesco
Il Sindaco di Terni Paolo Raffaelli e l’Assessore ai Lavori Pubblici Alberto Pileri hanno consegnato al Vice Presidente del Consiglio Francesco Rutelli, in occasione della sua visita a Terni quale Ministro della Cultura, la documentazione relativa all’inserimento dell’area ternana della Cascata delle Marmore e del sistema territoriale della Valnerina nel novero dei siti tutelati dall’Unesco, come patrimonio culturale ed ambientale dell’umanità.
Come è noto, il Comune di Terni è da anni impegnato, insieme alle municipalità della Valnerina e dello Spoletino, nel conseguimento di questo ambizioso obiettivo di classificazione che, ha sottolineato Raffaelli al Ministro, ha grandissimo valore in termini di valorizzazione turistica del nostro patrimonio culturale ed ambientale e che farebbe compiere un salto di qualità veramente rilevante alla visibilità e fruibilità di tutto il sistema compreso tra la Cascata delle Marmore, i Comuni della Valnerina ternana fino alle aree montane di Norcia e Cascia. L’istruttoria, da tempo attivata presso il Ministero, vede ormai Terni, la Cascata ed il Nera come candidati di primissimo livello e questo risultato, lungamente perseguito, potrebbe essere a portata di mano. Il Ministro Rutelli ha assicurato al Sindaco Raffaelli ed all’Assessore Pileri la sua particolare attenzione per un procedimento di grande importanza che avrebbe, anche a suo giudizio, un significato molto alto per lo sviluppo turistico dell’intera Umbria e non del solo comprensorio ternano, un vero e proprio progetto interprovinciale di tutela e valorizzazione in grado di confrontarsi con tutte le altre straordinarie esperienze naturalistiche ed ambientali già selezionate sin qui dall’UNESCO.

6/7/2006 ore 12:45
Torna su