Domenica 12/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 09:22
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Terni: i carabinieri denunciano una 26enne originaria della Repubblica Dominicana per favoreggiamento della prostituzione
Aveva affittato un appartamento nella zona di piazza Valnerina e lì si prostituiva insieme a una sua amica ma è stata scoperta dai carabinieri e denunciata per favoreggiamento della prostituzione. Protagonista della vicenda una avvenente dominicana, Loraine Perez di 26 anni in regola con il permesso di soggirono, che nel mese di novembre dello scorso anno aveva preso in affitto un appartamento in un palazzo di via Andrea Costa. Agli inquilini non era sfuggita la presenza della giovane donna e soprattutto non è sfuggito il gran viavai di uomini che dal giorno del suo arrivo si era creato nel palazzo. Un traffico insolito di uomini di tutte le età che suonavano il campanello del citofono e poi si intrufolavano con fare circospetto nell’appartamento. La ragazza per farsi pubblicità e quindi per aumentare il suo giro di clienti, inseriva sistematicamente degli annunci a pagamento su alcuni settimanali locali nei quali reclamizzava le sue forme ed i suoi “servizi” ed inseriva il numero di cellulare attraverso il quale veniva contattata. Un’organizzazione perfetta, insomma, ma il gran movimento che ha cominciato a crearsi nel palazzo ha messo in allarme gli inquilini che hanno deciso di avvertire i carabinieri. Questi, dopo accurate indagini, hanno scoperto che la dominicana durante le sue assenze, al fine di non lasciare vuoto l’appartamento con il pericolo di perdere l’eventuale clientela, aveva chiesto ad una sua connazionale di sostituirla in tutto e per tutto. Le aveva così fornito il proprio telefonino e tutto quello che serviva a svolgere l’attività di meretricio, dai profilattici, ai fazzoletti di carta. Dalle indagini è emerso che il tariffario delle prestazioni variava dai 50 ai 100 euro, a seconda del “servizio” richiesto dal cliente. Per una prestazione “tutto compreso” la tariffa era di 100 euro secchi. Ora l’appartamento, lasciato dalla extracomunitaria, è abitato da una normale famiglia ed i condomini hanno potuto tirare un sospiro di sollievo.
14/4/2006 ore 16:10
Torna su