Venerdì 19/07/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 08:51
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Terni: A novembre il comune assumerà 43 nuovi dipendenti
L'assessorato al Personale ha reso noto che "finalmente il Comune può procedere alle assunzioni, mantenendo l'impegno assunto con il Piano deliberato a giugno. Assunzioni importanti per sostituire, seppur parzialmente, il personale andato in pensione e per mantenere l'attuale livello dei servizi agli utenti pur in presenza di un numero inferiore di dipendenti. I nuovi contratti di
lavori sono stati resi possibili dalla pubblicazione del tanto atteso decreto attuativo, collegato alla Finanziaria 2003, con ben 7 mesi e mezzo di ritardo rispetto ai tempi fissati dalla finanziaria stessa. Da novembre prenderanno servizio 3 coordinatori assistenti sociali, 3 istruttori di vigilanza, 2 istruttori geometri a tempo pieno oltre a 1 funzionario giornalista, 4 istruttori amministrativi, 2 istruttori informatici, 5 istruttori culturali, 3 istruttori di biblioteca, 5 istruttori tecnici, 15 istruttori geometri ( tutti con rapporto di lavoro part time ). I nuovi assunti provengono esclusivamente dalle graduatorie di merito di concorsi e corsi concorsi pubblici già espletati. Sempre dal mese di novembre si procederà alla stabilizzazione di 10 lavoratori socialmente utili già in forza presso l'ente che verranno assunti con qualifica di esecutore ausiliario e con rapporto di lavoro part time. Con queste ultime assunzioni si conclude così il processo di stabilizzazione degli Lsu, ben 39 quattro anni orsono. Viene risolto così in maniera definitiva il problema del precariato all'interno dell'Ente". "Abbiamo tirato un bel sospiro di sollievo, perché il clamoroso ritardo nella pubblicazione dei decreti attuativi, senza il quale gli Enti locali non avrebbero potuto assumere neppure un'unità, ha fatto stare tutti in apprensione. Non sfugge ad alcuno, infatti, che se il decreto non fosse uscito entro il 2003, la possibilità di assumere per il Comune sarebbe stata nulla. Anche alla luce della proposta di Legge finanziaria per il 2004 è chiaro che sarà sempre più difficile procedere a nuove assunzioni negli enti locali. Questo con pesanti ripercussioni per enti come il nostro che hanno un rapporto dipendenti/popolazione residente più basso di quello consentito e che non riusciranno a garantire il turn over se non in misura sempre più limitata", ha dichiarato l'assessore Feliciano Polli.
20/10/2003 ore 19:27
Torna su