Martedì 22/09/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 23:12
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
<
Si rifiutano di indossare la mascherina che tenevano al gomito ed insultano i poliziotti: denunciati due ternani
Sette persone sanzionate, di cui due anche denunciate. E' questo il risultato dei servizi di controllo del fine settimana effettuati dalla Polizia di Stato di Terni nel centro cittadino. I controlli rientrano nell’ambito del progetto "DivertiAmoci per una movida più sicura". Le pattuglie della questura ternana hanno verificato il rispetto delle norme anti-contagio previste dal Dpcm del 7 agosto e dalla successiva ordinanza del Ministro della Salute, Roberto Speranza, che impone l’obbligo dell’uso della mascherina all’aperto, in qualsiasi luogo, dove possono formarsi assembramenti, dalle 18 alle 6 del mattino. Durante l’attività, è stato fermato un ragazzo in una via del centro con una bottiglia in mano che ha ammesso di aver comprato in un bar vicino, motivo per cui è scattata la sanzione sia per lui che per il titolare del locale pubblico. Due persone, una coppia di ternani, sono stati invece denunciati per il loro comportamento reattivo all’atto dei controlli, perché all’invito degli agenti di indossare la mascherina, che avevano al gomito, hanno iniziato ad insultarli pesantemente, rifiutando di indossarla. I due sono stati fermati dagli agenti a Corso Tacito, dove in quel momento erano presenti altre persone, alcune senza mascherina, che però hanno risposto subito all’invito degli agenti, scusandosi. La coppia, invece, ha tenuto un comportamento offensivo e sprezzante, in ragione del quale è stata denunciata per oltraggio a Pubblico Ufficiale e sanzionata. Altri tre verbali sono stati elevati nei confronti di altrettante persone: un italiano e due stranieri, per il mancato uso dei dispositivi di protezione. La Questura di Terni rinnova l’invito al corretto uso delle mascherine, all’aperto dalle 18 alle 6, principalmente a tutela della propria salute e di quella altrui, e anche per non incorrere in sanzioni.
(Foto di repertorio, presa dalla Rete)
3/9/2020 ore 12:00
Torna su