Martedì 07/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 12:05
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
San Liberato: tra meno di un anno sarà finalmente pronta la variante che collega la frazione con Nera Montoro
Tra meno di un anno la variante di San Liberato sarà stata costruita. A dare la notizia, che coglie tutti di sorpresa, è il dirigente dell'Ufficio Urbanistica del Comune di Narni, l'architetto Antonio Zitti il quale è decisamente ottimista circa i tempi necessari all'espletamento dell'iter burocratico. "Siamo nella fase in cui i nostri tecnici stanno completando il progetto esecutivo – spiega Zitti -, e dunque entro settembre la pratica arriverà in Consiglio Comunale per essere approvata. Poi verrà indetto il bando che servirà ad individuare l'impresa che si aggiudicherà l'appalto dei lavori; da quel momento dovranno trascorrere per legge 52 giorni, dopo di che si potrà dare il via alla realizzazione dell'opera, a conti fatti prima dell'inizio dell'estate del 2009 la strada sarà pronta". L'architetto Zitti illustra anche le caratteristiche della nuova strada che collegherà San Liberato con Nera Montoro, mettendo la parola fine a un "isolamento" che per gli abitanti della popolosa frazione dura da più di trenta anni. "La strada sarà lunga un paio di chilometri ed avrà delle dimensioni standard rispetto a quelle che sono le caratteristiche previste per una arteria 'extraurbana'. Rispetto al progetto iniziale – spiega Zitti -, sono state apportate delle modifiche che doteranno la strada di un paio di rotonde, un marciapiede e una pista ciclabile, quest'ultima facente parte dell'altro progetto riguardante la valorizzazione delle Gole del Nera; la strada verrà inoltre dotata di un moderno e funzionale impianto di illuminazione". E' una lunga storia quella della variante di San Liberato, una storia cominciata con l'arrivo del raccordo autostradale che isolò di fatto gli abitanti di San Liberato costringendoli, per ogni loro spostamento, ad entrare in superstrada. Con tutti i rischi annessi, per primo quello degli ingorghi che quando si formano (e questo accade molto spesso), impediscono ai cittadini di potersi muovere dal paese; un disagio molto serio che diventa allarmante quando si verificano delle emergenze, perchè in quei casi la trappola dell'isolamento può determinare conseguenze gravi. L'ennesimo esempio di una situazione che esaspera da anni i cittadini di San Liberato, si è verificata due giorni fa a seguito dell'incidente mortale accaduto nei pressi dell'area di servizio della "Esso". Il traffico è rimasto bloccato per lunghe ore e lunghi serpentoni di auto si sono creati anche dentro al paese. L'annuncio fatto dal Comune, circa la costruzione della variante, porrà fine alla incresciosa situazione. Stavolta sembra proprio fatta.


21/7/2008 ore 4:28
Torna su