Giovedì 15/11/2018
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 12:20
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
San Liberato: scoppia la polemica fra i Cinque Stelle e l'assessore Morelli sulla questione dei pannelli fonoassorbenti
Le affermazione dell’assessore Morelli, riguardo alla situazione dei pannelli fonoassorbenti di San Liberato, ha acceso la miccia della polemica. I Cinque Stelle narnesi non ci stanno ad accettare quanto affermato da Morelli ed affidano a Luca Tramini il loro disappunto. "Sono più di 40 anni - afferma il capogruppo dei M5S -, che i cittadini di San Liberato chiedono le barriere antirumore. Ora, stando a quanto ci dice l'assessore Morelli, i residenti della zona dovrebbero aspettare altri cinque e forse più anni per vedere installate queste strutture necessarie a ridurre il rumore prodotto dal traffico dell'adiacente Rato. Ci chiediamo il perchè i governi precedenti, la Regione Umbria ed il Comune, che per decenni sono stati sempre dello stesso schieramento politico, non abbiano fatto nulla per risolvere questo grave problema. La risposta data da Morelli - continua Tramini -, è assurda e irrispettosa verso i cittadini. E' disarmante dover constatare che un assessore affronti in maniera così fredda ed asettica un problema grave manifestato dai cittadini che stanno da tempo chiedendo aiuto". Tramini ricorda, poi, che "la presidente Marini ha annunciato più volte la realizzazione delle barriere, in seguito è stato il turno dei consiglieri regionali Leonelli e Solinas con le loro promesse di soluzione immediata". "Ora Morelli - continua Tramini -, ci dice che la questione è in mano al Ministero. Noi, siamo convinti che Regione e Comune possono realizzare queste strutture, basterebbe chiedere alla Marini di adottare un intervento straordinario per un problema che riguarda la salute pubblica, perchè di questo si tratta. Le barriere - conclude Tramini -, si potevano fare già 30-40 anni fa, se solo i politici di allora l'avessero voluto. All'epoca al Governo del Paese, a quelli di Regione e Comune c'era un unico partito. Ebbene, questo non è bastato a far mettere d'accordo le parti ed a trovare i soldi per realizzare le barriere fonoassorbenti a San Liberato. Oggi è troppo facile scaricare la colpa sugli altri, perciò cerchiamo di stare vicini ai cittadini ed aiutare chi sta provando a risolvere realmente un problema. Basta con i 'siparietti' che rischiano di sfociare nel ridicolo".
28/10/2018 ore 14:15
Torna su