Martedì 07/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 11:55
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
San Liberato, l'assessore Giombolini promette: "a maggio verrà inaugurata la nuova bretella"
Scivola di qualche mese il completamento dei lavori riguardanti la realizzazione della variante di San Liberato. L’assessore ai Lavori Pubblici, Gianni Giombolini, assicura che “entro maggio di quest’anno potremo finalmente inaugurare questa strada attesa da anni dagli abitanti della zona”. C’erano stati, molti mesi fa, alcuni intoppi burocratici che avevano rallentato l'inizio dei lavori. Poi tutto era andato a posto, con l'Anas e le Ferrovie dello Stato che avevano concesso le ultime autorizzazioni a costruire i collegamenti alle due rampe di accesso del Rato. La "bretella" che metterà in collegamento San Liberato e Nera Montoro, è un'opera importante e costosa. Importante perchè darà finalmente la possibilità ai cittadini di San Liberato di potersi spostare verso Narni senza dover per forza utilizzare il raccordo Terni-Orte (peraltro precluso a cicli e motocicli di cilindrata inferiore ai 125 cc). Poi c'è l'aspetto economico dell'intervento che verrà a costare circa 1milione e 260mila euro; denaro sborsato quasi interamente dalla Regione, visto che il Comune di Narni di suo ci ha messo solo 50mila euro. La strada parte dall’attuale svincolo per Nera Montoro che c’è lungo il Rato, in direzione di Orte; da lì si sposterà sul lato destro, e correrà parallela al raccordo, costeggiando la stazione di servizio ed andandosi a ricongiungersi con la strada comunale già esistente, situata nella zona artigianale di San Liberato, nei pressi di un noto albergo e di un’importante rivendita di motocicli. La strada, a due corsie di tre metri ciascuna, sarà lunga un chilometro e 300 metri; ai lati ci saranno due banchine da un metro. Lungo la nuova strada verranno realizzate due rotatorie: una all’altezza dell’intersecazione con il sottopasso del Rato, l’altra proprio dietro alla stazione di servizio. La strada verrà dotata di un adeguato impianto di illuminazione che servirà a garantire la massima sicurezza agli automobilisti.
20/1/2014 ore 2:55
Torna su