Martedì 07/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 11:00
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
San Liberato: la pendenza della rotonda della variante è sbagliata, l'Anas intima al comune di rifare i lavori
Una spesa imprevista. Ma soprattutto molto costosa. Si parla di 155mila euro che l’amministrazione comunale dovrà sborsare per sistemare la rotonda della variante che collega Nera Montoro a San Liberato. Si dirà: ma quella “bretella” è stata costruita meno di due anni fa; possibile che siano già necessari lavori di ripristino? A giudicare da quanto è successo, si. Tutto ha avuto inizio in occasione di un violento nubifragio abbattutosi nella zona di San Liberato qualche tempo dopo l’inaugurazione della strada. Un evento che ha permesso di scoprire che la ‘pendenza’ della rotonda realizzata in prossimità del raccordo non era quella giusta, tanto che l’acqua, anziché defluire negli appositi canali di scolo ed a seguito dell’otturazione del pozzetto ‘di guardia’, ha finito per invadere la sede stradale del raccordo stesso. Creando dei forti disagi alla circolazione. Da qui l’”altolà” dell’Anas che ha immediatamente scritto al Comune di Narni, imponendogli, senza tanti giri di parole, di fare tutti i lavori necessari per fare in modo che incidenti non accadessero più. Ergo: bisognava provvedere alla ‘sistemazione idraulica’ della rotatoria. Uno scherzetto non da poco, perché oltre al progetto preliminare, costato circa 3.170euro, il comune sarà costretto a sborsare altri 152mila euro per fare i lavori. “E’ normale – tuona il ‘solito’ consigliere Bruschini -, che si debbano spendere tutti questo soldi per riparare un danno che è palesemente il frutto di un errore commesso da qualcuno in sede di progettazione della nuova rotonda? Oltre tutto il nostro comune non ha un euro in cassa e dunque è stato costretto ad accendere un mutuo per poter far fronte a questa spesa imprevista. A rimetterci, ancora una volta, sono i cittadini narnesi, che si trovano a dover tirare fuori circa 300milioni delle vecchie lire, per riparare ad un grossolano errore commesso non si sa bene da chi”.
18/4/2016 ore 4:45
Torna su