Martedì 07/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 12:33
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
San Liberato: gli scolari della Primaria si incontrano su Skype con i loro "colleghi" di una cittadina inglese
Incontri virtuali. Tra scolari di paesi lontantissimi uno dall'altro. Gli alunni della Scuola Primaria di San Liberato, hanno vissuto per la prima volta l’entusiasmante esperienza di incontrarsi virtualmente tramite Skype con dei coetanei fisicamente lontani, che frequentano la “Pashanger Primary School” di Garden City, in Inghilterra. Con i loro coetanei i bambini narnesi stanno condividendo delle esperienze formative che fanno parte del progetto “The wonderful world of Willy Wonka – From Story to Classroom”. Il percorso proposto e attuato fa parte del progetto europeo più ampio “E-twinning” che il Circolo Didattico di Narni Scalo attua ormai da diversi anni, finalizzato proprio a favorire contatti tra scuole della CE, attraverso l’uso delle TIC, per poter conoscere realtà apparentemente lontane, stimolare confronti, vivere un senso di appartenenza ad una comunità molto più ampia rispetto all’ambiente strettamente connesso al proprio ambito territoriale e promuovere metodi di cooperazione innovativi. L’incontro tramite Skype è stato l’apice di un percorso cominciato con la lettura e l’analisi da parte di entrambe le scuole del libro di Roald Dahl “La fabbrica di cioccolato”, che ha costituito la base del progetto. Da questo sono scaturite una serie di esperienze, raccontate con varie produzioni dei bambini e condivise con la scuola gemellata, tra cui la visita ad una fabbrica di cioccolata reale (La Perugina), il racconto dell’esperienza attraverso testi ed immagini, la descrizione di un prodotto italiano quale è il Bacio Perugina, l’ideazione di immagini pubblicitarie dei cioccolatini, la realizzazione di biscotti al cioccolato, la visione dell’omonimo film ed il confronto tra le due forme di racconto (film e libro). Una volta vissute queste esperienze e condivise con i coetanei inglesi, è arrivato il momento di conoscerli ed incontrarli. Dopo vari tentativi per l’organizzazione dell’evento, è arrivato il giorno prestabilito, in cui nello stesso momento in una piccola scuola del nostro territorio e in una scuola più grande in una cittadina a 40 km da Londra, dei bambini dai 6 ai 9 anni erano seduti davanti ad un computer collegato ad una LIM, aspettando che apparisse finalmente l’immagine di coetanei conosciuti attraverso lettere e lavori, per poter approfondire la conoscenza e proseguire un lavoro comune. L’attività prevista era l’interazione in lingua inglese tra singoli bambini per poter avere informazioni personali (nome, età), seguita dall’insegnamento di termini inerenti all’argomento del progetto, scelti e rappresentati precedentemente in una presentazione in Power Point dai bambini delle due scuole, in italiano e in inglese. In pratica i bambini, a turno, dopo essersi presentati e aver interagito brevemente, hanno insegnato delle parole relative al testo letto, con l’aiuto di disegni, ognuno nella propria lingua. Si è trattata di un’attività di insegnamento e di apprendimento vera e propria in cui i nostri bambini, uno per volta, scandivano delle parole e aspettavano che i coetanei stranieri le ripetessero con una pronuncia accettabile e cercavano a loro volta di riprodurre e memorizzare ciò che veniva loro insegnato in inglese. Il lavoro si concluderà attraverso l’invio di un Power Point contenente anche la voce registrata dei bambini di San Liberato e di Garden City per poter consolidare l’apprendimento dei vocaboli nelle due lingue anche in classe. Inoltre questo elaborato sarà un lavoro comune realizzato insieme dai bambini delle due scuole, come se si trattasse di un’unica realtà, pur facendo parte di comunità lontane. Sappiamo che la Scuola Primaria di San Liberato è una realtà molto piccola, familiare, ma questo non significa né chiusa, né povera di stimoli o di esperienze. In questi giorni in questo plesso si intravede un orizzonte europeo che va ben oltre le pluriclassi e gli spazi ridotti. Nonostante difficoltà di collegamento e problemi tecnici, siamo sicuri che l’esperienza si ripeterà, potrà essere migliorata e porterà risultati ancora più sorprendenti.
(Foto di repertorio, presa dalla Rete)
6/4/2014 ore 6:20
Torna su