Mercoledė 01/04/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 09:56
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
San Liberato: dalla Regione l'impegno di realizzare la nuova strada di collegamento con Narni ma ci vorrā ancora parecchio tempo
La situazione degli abitanti di San Liberato di Narni, costretti ad utilizzare il raccordo Terni-Orte, in mancanza di ogni altra viabilitā alternativa fin dai tempi di realizzazione del raccordo, dovrebbe avere una prima risposta entro novembre 2006 con l'approntamento di un progetto meno oneroso di quello presentato un anno fa dal sindaco Bigaroni e sul quale la Regione intende impegnare risorse giā nel 2007. Lo ha detto in Consiglio regionale l'assessore alle infrastrutture Giuseppe Mascio rispondendo ad una interrogazione del capogruppo di Rifondazione Stefano Vinti che ha definito paradossale la situazione dei residenti di San Liberato, privati trent'anni fa dall'Anas dell'unica via di collegamento con Narni e il resto del territorio. Mascio ha ricordato che i tecnici del comune di Narni e quelli della Regione stanno lavorando ad una soluzione meno onerosa che non dovrebbe costare pių di un milione e 300 mila euro, contrariamente alla precedente ipotesi il cui costo superava i 3 milioni di euro. Mascio e Vinti hanno comunque concordato sulle responsabilitā dell'Anas che non ha mai provveduto a dare una soluzione ad un problema creato dalla stessa azienda, fino alla beffa, ricordata dall'assessore, dei cartelli che affissi per impedire l'accesso sul raccordo con mezzi di trasporto non idonei. Stefano Vinti si č definito parzialmente soddisfatto della risposta data dall'assessore evidenziando comunque che la Regione, č costretta a farsi carico di problemi creati dall'Anas e con il cambio di progetto richiesto al comune di Narni rischia inevitabilmente di allungare i tempi giā lunghissimi.
(Nella foto, un momento della clamorosa protesta che qualche tempo fa vide protagonisti gli abitanti di S.Liberato, i quali invasero il raccordo in sella alle loro biciclette)
2/11/2006 ore 11:34
Torna su