Lunedì 06/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 22:04
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Rossoverdi di scena a Torino, per la delicata trasferta mancheranno sei giocatori ma i tifosi chiedono a gran voce un risultato positivo
(E.B.) Allarme rosso per la Ternana. Per la trasferta di Torino infatti ci saranno ben sei assenti, tre in difesa e tre a centrocampo. Tra infortuni e squalifiche mancheranno: Paci, Scarlato, Grava, Brevi, Migliaccio e D’Astolfo. Un bel grattacapo per il tecnico Beretta che ora in difesa ha solo quattro uomini da poter schierare, vale a dire Nicola, Savino, Terni e Pesaresi. A centro campo il problema è apparentemente meno preoccupante perché c’è un solo uomo da sostituire, ma quando l’assente è il capitano Ezio Brevi nessuna sostituzione è facile. Per risolvere il problema delle tante assenze Beretta è stato costretto a convocare alcuni giocatori della Primavera: Succhiarelli, Di Dio e Cossu che all’occorrenza potranno dimostrare di meritare anche la maglia rossoverde della prima squadra. L’arbitro di Giovedì sarà Ayroldi che ha già diretto i rossoverdi a Bergamo e nella gara contro il Verona. Una cosa, comunque, è certa, a Torino, chiunque scenderà in campo, dovrà dare il massimo perché la figuraccia di Genova è ancora viva negli occhi dei tifosi e solo una vittoria potrà cancellare tutto. Anche un pareggio potrebbe bastare, la cosa importante però è che i rossoverdi dovranno dimostrare sul campo di esseresi ritrovati, di avere ancora quella grinta che gli ha permesso di non scendere mai sotto la terza posizione in classifica. E’ questo che la piazza chiede, una squadra sana psicologicamente, che dimostri a tutti di meritarsi la tanto agognata promozione, come ha già dato prova di saper fare, con il bel gioco ed i colpi d’autore. Sappiamo tutti che la trasferta di Torino non sarà facile, ma se la Ternana vuole veramente la serie A, il prato del Delle Alpi è il posto migliore per dimostrarlo.
3/3/2004 ore 13:31
Torna su