Domenica 15/12/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 15:11
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Riapre il "Caffè Gnocchetto", la famiglia Di Loreto torna a gestire il bar che nonno Umberto aprì nel 1922
(C.A.)Ha riaperto “Gnocchetto”, lo storico bar narnese davanti al teatro comunale. Dopo ben cinquant’anni i nipoti si sono ripresi quel luogo fatto diventare mitico dal nonno. Umberto Di Loreto pensò bene nel 1922 di aprire un bar nei locali di sua proprietà davanti ad uno dei centri nevralgici della vita cittadina narnese con appunto il nome “Caffè del teatro”, anche se per tutti i narnesi divenne da quel giorno “Gnocchetto”. Dopo una gestione lunga quasi trent’anni il bar passò di mano in mano ma senza scrollarsi di dosso il soprannome del suo fondatore.Un legame ancora talmente forte e duraturo da convincere i tre giovani nipoti, Mario, Claudio e Umberto “junior”, a riaprire il locale del loro nonno. I tre raccontano di essere stati spinti nell’iniziativa, oltre che dal voler rendere omaggio a loro nonno, anche dall’idea di voler arricchire le attività economiche della città e in particolare di Via Garibaldi, puntando su scelte di qualità per dare qualcosa in più a Narni, cercando insomma di differenziarsi dagli altri numerosi esercizi simili che già sono sulla scena narnese. Particolare il fatto che l’idea, partorita dalla mente dei nipotini qualche mese fa, sia proprio arrivata in concomitanza con il cinquantesimo anniversario della cessione dell’attività da parte del nonno. Un’ottima motivazione per ricordare il caro parente e per gettarsi in una splendida avventura che rinverdirà la vita narnese ancora di più. Qualche scelta curiosa e particolare riguarda l’arredamento interno;sono stati utilizzati tavoli, sedie e alcune stoviglie dell’epoca, proprio per cercare quella qualità e quella differenziazione di cui parlavamo sopra. Altre novità e curiosità verranno svelate man mano nei giorni a seguire. Intanto da oggi i narnesi potranno dire nuovamente “Ci vedèmo lì da Gnocchetto”. Per giovani una novità, per chi ha i capelli bianchi un modo come un altro per andare indietro, molto indietro, nella memoria.
(Nella foto Umberto Di Loreto con il nipotino Mario all'interno del caffè. Siamo negli anni cinquanta)
21/4/2003 ore 5:15
Torna su