Lunedì 23/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 09:55
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Provincia: un contributo di seicento milioni di vecchie lire per agevolare l'imprenditoria giovanile
Ammontano ad oltre 300.000 euro i contributi che la Provincia di Terni ha messo a disposizione per il sostegno di nuove iniziative imprenditoriali rivolte ai giovani. L’apposito nucleo di valutazione, che ha effettuato un’approfondita analisi qualitativa e quantitativa dei progetti, ha ammesso ai finanziamenti previsti dalla legge regionale 12/95 sette imprese, cinque delle quali operanti nel comparto dei servizi, una nel commercio ed una nell’artigianato. Per quanto riguarda la dislocazione territoriale, tre imprese operano a Terni, due ad Orvieto ed unba a Castel Viscardo e a Penna in Teverina. Alla scadenza del relativo bando erano stati presentatitredici progetti, cinque dei quali non sono stati giudicati ammissibili per la mancanza di alcuni requisiti ed uno non è stato ritenuto idoneo. I contributi in conto capitale concessi alle varie imprese variano da un minimo di 12.000 euro ad un massimo di 130.000 euro. “Si tratta di un contributo alla crescita ed allo sviluppo di un settore di particolare interesse, quale quello dell’imprenditoria giovanile – affermano il Presidente della Provincia, Andrea Cavicchioli, e l’Assessore alle “Politiche formative e del lavoro”, Donatella Massarelli - La legge ha dato buoni risultati, con un monitoraggio che ha affermato un positivo impatto occupazionale. Alla luce dell’esperienza maturata l’Amministrazione provinciale ha chiesto alla Regione la modifica di alcune disposizioni legislative che potranno consentire un maggiore investimento in quota capitale per rendere ancor più appetibile lo strumento finanziario”.
12/1/2004 ore 16:55
Torna su