Giovedì 17/10/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 21:07
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Provincia: insediata la consulta della terza età. Alla Regione è stata richiesta la riforma dei servizi sociali
Si è insediata la Consulta provinciale della Terza età che ha proceduto alla nomina del Presidente e del Vice Presidente. A ricoprire la carica di Presidente è stato chiamato l’Assessore provinciale alle “Politiche sociali”, Gianfranco Teofrasti, Vice Presidente è stata nominata Maria Grazia Proietti, rappresentante della Diocesi di Terni-Narni-Amelia. La consulta, che al suo interno comprende rappresentanti delle Istituzioni locali e delle Associazioni del volontariato, dei Centri sociali e culturali, della Diocesi, dell’Università della Terza Età, dell’ASL, delle Organizzazioni sindacali di categoria, dell’INPS e della Confartigianato, ha lo scopo di affrontare, attraverso un’attività promozionale di ricerca, di studio e di documentazione, i problemi degli anziani. Svolge, inoltre, compiti consultivi e di proposta nei confronti delle Istituzioni aderenti.
In particolare la Consulta è impegnata nello studio dei problemi relativi alla condizione di vita ed ai bisogni degli anziani, nella formulazione di proposte in merito a provvedimenti ed iniziative riguardanti la loro tutela, nella realizzazione di iniziative a favore di questa fascia sociale. Per il funzionamento della Consulta la Provincia di Terni ha stanziato, a partire da quest’anno, un contributo di 3 mila euro. Aprendo la seduta il Presidente della Provincia, Andrea Cavicchioli, ha annunciato un intervento delle due Amministrazioni provinciali nei confronti della Regione dell’Umbria per una rimodulazione di tutto il settore dei “Servizi sociali”, con particolare riferimento alle attribuzioni delle funzioni delle Province e dei Comuni ed alla razionalizzazione del sistema che veda, nelle Province, il punto di riferimento ed il coordinamento di area vasta, l’assistenza ai piccoli Comuni e la titolarità dei progetti di qualità nella formazione degli operatori, con la cessione ai Comuni di tutte le altre incombenze.

29/5/2005 ore 15:45
Torna su