Mercoledì 01/04/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 10:56
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Proteste dei cittadini per i ritardi degli autobus che collegano Narni con Narni Scalo: "Ci mettono 40 minuti per coprire il breve percorso!"
Quaranta minuti per arrivare da Narni Scalo a Narni. Troppi per chi ha fretta, ma anche per chi ama prendere le cose con comodo. E poi, paradossalmente, con tre quarti d’ora la distanza che separa il capoluogo dalla stazione si può coprire persino a piedi e fino a qualche tempo agli autobus che facevano la spola tra la parte alta e quella bassa della città impiegavano al massimo un quarto d’ora per condurre i passeggeri da una parte all’altra. Cosa è successo dunque perché i tempi si triplicassero? “Semplice-risponde indignata una signora che abita a Narni Scalo ma lavora a Narni-hanno aumentato le corse ma contestualmente anche la tratta percorsa dai bus. In pratica chi prende il mezzo pubblico alla stazione di Narni Scalo è costretto a fare un giro interminabile per tutta la periferia cittadina, perché una volta arrivato al bivio di Berardozzo, l’autobus anziché girare a destra e salire verso il centro, svolta a sinistra in direzione di Terni e poco dopo imbocca la provinciale di Sant’Urbano, quella che va verso la frazione di Santa Lucia. Da qui prosegue sino a Selvantica, dove effettua la manovra di inversione e si rimette in marcia verso Narni. In tutto questo giro le fermate non si contano e dunque il tempo passa inesorabilmente ma anche inutilmente perché a Santa Lucia ed a Selvantica non sale e non scende mai nessuno, così quei pochi passeggeri saliti a Narni Scalo sono costretti a farsi queste “gite” senza un motivo”. I problemi non si fermano qua perché una volta arrivato al parcheggio del Suffragio il bus si ferma al capolinea costringendo i passeggeri a prendere l’ascensore per andare in centro, oppure a fare le scalette; l’alternativa sarebbe quella della navetta che ha degli orari coincidenti, se non fosse che il minibus prima di andare verso le due piazze si fa il giro di via Cappuccini e della zona dell’ospedale. Insomma una tortura, soprattutto di questi tempi, con il disagio del grande caldo. “L’ascensore spesso è fuori servizio e molta gente non è in condizioni per farsi le scalette a piedi-dice ancora la signora-quello che mi chiedo è perché non viene consentito ai bus che vengono da Narni Scalo di fare la fermata in piazza Garibaldi come era una volta. Alla Atc si sono resi conto che per questo genere di disservizi i loro mezzi ultimamente viaggiano quasi sempre semivuoti?”
16/6/2004 ore 4:32
Torna su