Mercoledì 20/11/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 11:24
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Ponte San Lorenzo: disagi per gli scolari che al mattino vengono lasciati a piedi dai pullmini della Cosea
Trasporto scolastico sotto accusa. A Ponte san Lorenzo, una delle frazioni più popolose del territorio comunale, gli studenti delle scuole medie sono costretti ogni mattina a percorrere a piedi un lungo tratto di strada per poter prendere l’auto che li accompagna a Narni Scalo, perché i mezzi della Cosea non li prendono a bordo. Tutto succederebbe per una sorta di equivoco determinato dalla presenza di alcuni cartelli nei luoghi predisposti per la fermata. Su di essi c’è scritto “Fermata bus per trasporto studenti in età scolare e pre-scolare” e questo lascia intendere che tra gli scolari aventi diritto al trasporto si debbano includere necessariamente anche i ragazzi che frequentano le scuole medie ed addirittura quelli delle superiori. Ma gli scuolabus, che viaggiano per conto del Comune che ha affidato il servizio alla Cosea, non si fermano, suscitando la protesta di studenti e genitori. “Chi se la prende la responsabilità se uno di questi giovani dovesse incappare in un incidente mentre è costretto a percorrere a piedi il tratto di strada che va da casa alla Flaminia?” si chiedono da Forza Italia. Ed ancora “Gli studenti delle medie sono soliti prendere l’autobus che passa alle 8,05 e che arriva a Narni scalo alle 8,35, ovvero in ritardo rispetto all’inizio delle lezioni, cosa questa che li obbliga a presentare un permesso permanente. Viceversa se dovessero prendere l’auto che passa prima (alle 7,15) arriverebbero alle 7,35, ovvero 40 minuti prima dell’inizio delle lezioni. Perché i ragazzi non vengono presi a bordo? In base a quale disposizione visto che ancora esistono le tabelle con le relative fermate viene precluso l’utilizzo dei mezzi pubblici agli altri studenti? Chi ha disposto questo disservizio? Si è in regola con quanto prevede il capitolato di gestione tra amministrazione e gestore del trasporto? Chi ha disposto questo disservizio? Se, come si dice, non sono sufficienti i mezzi in capienza per consentire il trasporto dell’intera utenza, non ci sembra assolutamente possibile inibire l’uso ad alcuni a favore degli altri quando si dovrebbe invece prevedere un mezzo più capiente”.
26/2/2005 ore 4:44
Torna su