Lunedì 06/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 21:44
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Pgs in caduta libera, nemmeno con il Lugnano in Teverina la squadra parrocchiale riesce a fare risultato
(C.A.)La Pgs continua a perdere. Stavolta a violare il campo del Sant'Alfio è stata la modesta compagine del Lugnano in Teverina che ha infilitto ai "parrocchiali" un secco 4 a 1. Eppure stavolta la partita si era messa bene con la Pgs che passava subito in vantaggio. Antonini approfittava di una grande incertezza dei centrali difensivi del Lugnano e apriva il gioco per Marasca. Assist per Massarelli che dal limite dell’area, sorprendeva il portiere ospite. I biancorossi prendevano coraggio ma traballavano pericolosamente nelle retrovie. Il pallone sembrava pesare quintali sui piedi dei difensori che non riuscivano a liberare l’area dagli attacchi del Lugnano. Gli ospiti continuavano ad insistere e alla fine passavano per ben due volte grazie anche alla sbadataggine difensiva della Pgs. Come all’andata, l’arbitro iniziava a sbagliare. Sull’uno a zero non dava al Lugnano un rigore grosso come una casa, per un evidente fallo di mani in area di Bontempo. Sul due a uno per gli ospiti, invece, Antonini approfittava dell’ennesimo svarione del libero avversario, entrava in area ma veniva sgambettato. L’arbitro giudicava regolare l’azione e si andava negli spogliatoi con la Pgs in svantaggio di un gol. Il secondo tempo iniziava sulla falsa riga della prima frazione di gara. La Pgs non riusciva a raggiungere il pareggio e le amnesie difensive continuavano a tenere banco. Altre due reti per un Lugnano modesto in tutti i reparti. Ma la squadra di casa non aveva più il morale per dare il via all’assalto decisivo e continuava a perdere i pezzi. Nell’ultimo quarto d’ora Massarelli impegnato in un dribbling, cadeva a terra dolorante. Il capitano usciva sconsolato per una distorsione al ginocchio, di cui ancora non si conosce l’entità. Tra due settimane si riparte con il campionato. Sono tanti i casi spinosi che dovrà affrontare mister Giordano. Dagli infortuni ai giocatori dispersi. Un appunto va fatto a chi ha dimostrato uno scarso attaccamento alla maglia, evitando di stringere i denti per qualche modesto infortunio.Qualcuno non ha dato più notizie di sé, qualche altro sta lentamente recuperando. Intanto si sono rivisti in campo due elementi che potranno fare molto comodo alla causa Pgs. Bontempo ha disputato un primo tempo dignitoso dopo la lunga ed interminabile assenza. Scriboni, anche se condizionato dalla paura di una ricaduta, ha dato dimostrazione che alla squadra può dare un significativo apporto. Nelle prossime due settimane, i ragazzi di Giordano saranno impegnati in un lavoro meticoloso di preparazione fisica e tattica, in vista della prima giornata do campionato. Bisognerà entrare nell’ordine di idee che ci sono almeno tre o quattro squadre all’altezza dei biancorossi. Il Lugnano visto sabato, lo Stroncone e i Giovani europei del girone spoletino non sembrano squadre di un altro pianeta. L’obiettivo è quello di giocarsi tutte le partite fino in fondo senza paura. La speranza è quella di rivedere la Pgs delle prime due giornate di coppa, una squadra viva e coraggiosa.
25/11/2003 ore 17:19
Torna su