Giovedė 17/10/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 21:02
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Otricoli si schiera con Narni e dice no alla megacentrale
Anche Otricoli dice no alla megacentrale. Nel corso dell'ultima riunione del consiglio comunale č stata approvata una delibera nella quale l'amministrazione otricolana prende posizione in modo netto nei confronti del progetto che vorrebbe la costruzione di una centrale termoelettruca da 850 megawatt nella zona din Treie di San Liberato, quindi non lontano dai confini territoriali che dividono Narni e Otricoli. "La centrale appare nettamente sovradimensionata rispetto a quella che č la reale richiesta energetica della Ast-dicono al comune di Otricoli-che č invece di circa 280 megawatt. Noi non possiamo permettere che a due passi dal nostro territorio, giā inquinato dai fumi e dalle tante emissioni provenienti dal polo chimico di Nera Montoro, venga impientata una nuova struttura che andrebbe a peggiorare una situazione giā al limite della sopportazione. Tra l'altro-conclude la nota-nel progetto della megacentrale non sono neanche previsti dispositivi atti al parziale recupero del calore immesso nell'atmosfera."
Otricoli, dunque, si schiera con Narni anche per questa occasione.Una prima "alleanza" tra i due comuni si era giā evidenziata una decina di giorni fa, quando il sindaco Antonio Liberati aveva preso parte alla delegazione di politici che erano andati a Montecitorio a seguire la discussione della mozione urgente presentata dall'onorevole Mazzuca per conoscere i tempi di dismissione dell'ex area della Spea sulla quale il comune di Narni vorrebbe impiantare un grande parco tematico che offrirebbe opportunitā di lavoro e di sviluppo anche ai comuni vicini.
(Nella foto il sindaco di Otricoli Antonio Liberati)
23/3/2003 ore 17:31
Torna su