Giovedì 19/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 05:42
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Ospedale unico: Fiordi non condivide l'entusiasmo dei medici di base i quali attendono con ansia il nuovo nosocomio
“Non fatevi strumentalizzare!”. Con questo appello Piero Fiordi (Pri) si rivolge ai medici di base del comprensorio narnese-amerino che nei giorni scorsi hanno di fuco un documento nel quale esprimono la loro soddisfazione per la piega presa dalla vicenda legata alla costruzione del nuovo ospedale unico di Narni e Amelia. “I medici che hanno sottoscritto quel documento-attacca Fiordi-dovrebbero rendersi conto che il piano sanitario regionale, nel definire le attribuzioni degli ospedali di territorio non mi pare che abbia lasciato intendere che si miri a potenziare le specializzazioni, tant’è che le principali funzioni che gli verranno attribuite saranno quelle relative al pronto soccorso territoriale con efficiente collegamento con gli ospedali dell’emergenza e urgenza (Terni). Si parla poi di chirurgia programmata che non contempli la prosecuzione dell’attività di degenza nei giorni di sabato e domenica ed ancora di medicina orientata alla gestione di definite condizioni acute e subacute. Sull’accordo di programma stilato dalla Regione non mi sembra ci sia nulla da condividere perché scarica sugli Enti locali il costo dell’operazione e non da alcuna assicurazione concreta sull’utilizzo delle attuali strutture. I medici mi dovrebbero spiegare poi in base a quali elementi condividono la scelta di Cammartana, visto che questa è frutto di un accordo politico tra Narni ed Amelia, che non ha tenuto conto delle incompatibilità ambientali che vi insistono: ci sono in zona industrie insalubri e a forte rischio di incidenti, un deposito di munizioni, ed ancora grossi problemi di viabilità con il Ra.To. che quando si blocca paralizza tutte le strade del circondario. Cosa accadrebbe se un’autombulanza dovesse uscire o entrare nell’ospedale? La zona di Cammartana rimarrebbe isolata e l’ospedale tagliato fuori anche dal collegamento diretto che il piano sanitario regionale prevede con il Santa Maria di Terni”.
20/10/2004 ore 3:30
Torna su