Venerdì 20/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 21:10
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Ospedale unico: ancora un rinvio, De Rebotti è stufo di aspettare e lancia l'ultimatum alla Regione
Sul bilancio di fine anno fatto dal sindaco di Narni incombe l’ombra "invadente" dell’ospedale unico di Narni e Amelia. La cui realizzazione, stando alle parole di Francesco De Rebotti, se non torna in discussione poco ci manca. “Siamo preoccupati – ha detto il sindaco -, perché il Ministero, attraverso il Cipe si è espresso in un certo modo, riguardo alla realizzazione di questa importante opera, dicendoci che a settembre di quest’anno verranno, forse, stanziati i fondi promessi dal Governo e, se questo accadrà, forse, nel 2015 potrà essere indetto il bando per la costruzione dell’ospedale unico”. Troppi “forse”, con De Rebotti il quale ha detto chiaro e tondo che si dovrà aspettare ancora un anno “per un’opera che riguarda tutta la regione e non solo il nostro territorio”. “L’ospedale unico non è mai stato un nostro ‘vezzo’ – ha sottolineato De Rebotti -, ma un’opera voluta dall’inizio dalla Regione, nell’ambito di un processo di razionalizzazione e unificazione delle strutture, che ha visto già la realizzazione dei nosocomi di Branca e Pantalla. Dunque, è la Regione che dovrà dirci, una volta per tutte, che cosa intende fare e come intende muoversi”. Poi De Rebotti ha annunciato “una presa di posizione forte nei confronti della stessa giunta regionale, che faremo insieme al sindaco di Amelia, a quelli di tutto il comprensorio e ad altri rappresentanti istituzionali”. La preoccupazione del sindaco di Narni riguarda non solo l’ospedale unico, ma anche il destino che avranno gli attuali due nosocomi di Narni ed Amelia. “In un quadro di totale incertezza, come è quello attuale – ha detto –, c’è il rischio che le figure eccellenti che ancora operano all’interno di queste due strutture decidano di andarsene e questo noi non possiamo permetterlo, dunque è arrivato il momento in cui la Regione deve assumersi le sue responsabilità e dirci cosa vuole fare”.
11/1/2014 ore 15:58
Torna su