Mercoledì 05/08/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 04:14
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni:la scuola sceglie la gita al posto della messa di Natale, protestano i genitori degli alunni della media "Luigi Valli"
Niente messa natalizia per gli studenti della sezione staccata di Narni centro della scuola media “Luigi Valli”. E i genitori di molti ragazzi protestano, affermando che per fare chiarezza su quanto accaduto non esiteranno a rivolgersi al vescovo ed al provveditore agli studi. La messa natalizia rappresenta un po’ ovunque una solida tradizione e le scuole narnesi non si erano mai sottratte a questa usanza che viene tramandata da sempre, da genitore in figlio. Il filo, però, quest’anno a Narni si è spezzato e non si capisce bene come sia potuto accadere. La messa era stata programmata per la mattina di venerdi 17 dicembre presso la cattedrale; tutti e 130 gli studenti, iscritti alle 6 classi, della “Valli” di via Mazzini, ci sarebbero dovuti andare. Tutto era pronto venerdi mattina e lo stesso don Angelo D’Andrea, parroco del duomo, si era organizzato per celebrare l’importante funzione; ma all’appuntamento, tra lo sgomento di alcuni fedeli presenti in chiesa, non si è presentato nessuno. “La scuola nella stessa mattinata – spiegano alcuni genitori, arrabbiatissimi per l’accaduto -, ha organizzato una gita a Roma, alla quale hanno partecipato tre classi, per un totale di circa 60 ragazzi. Una mossa che sembra essere stata studiata a tavolino per fare in modo che nessuno andasse alla messa”. Il dirigente scolastico della “Luigi Valli”, Vilma Toni, ci tiene a spiegare che “è stato un banale contrattempo; non c’è stata nessuna malafede da parte di nessuno. Il 17 era in programma la messa natalizia per gli studenti della sede staccata di Narni ed oggi (il 20 dicembre n.d.r.) per quelli di Narni Scalo. Solo che nello stesso giorno era stata precedentemente organizzata una gita didattica a Palazzo Borghese di Roma per ammirare una mostra su Van Gogh, mostra che non sarebbe stato possibile rimandare perché l’esposizione sta per chiudere”. Pronta la risposta dei genitori: “la preside si informi, perché la mostra su Van Gogh chiude a febbraio, dunque quella gita si poteva benissimo fare dopo l’Epifania, mentre la messa ormai è saltata”. Insomma un episodio che non mancherà di scatenare forti polemiche, soprattutto tra la comunità cattolica narnese, molto radicata alle tradizioni ed al concetto di non far perdere ai giovani la pratica delle antiche usanze legate al cutlo del Natale.
21/12/2010 ore 2:59
Torna su