Domenica 17/12/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 05:11
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni verso le elezioni, la lista 'Insieme Possiamo': "basta fare 'gossip', concentriamoci sui programmi concreti"
Riceviamo e pubblichiamo dalla lista "Insieme Possiamo", che sostiene la candidatura a sindaco di Frncesco De Rebotti. "Fino ad ora - è scritto nella lettera -, il dibattito, se c’è stato, è stato focalizzato su gossip e considerazioni populiste (vedi Minniti). Vorremmo, a pochi giorni dalle elezioni, focalizzare l’attenzione sull’idea e su programmi concreti da attuare per concorrere alla crescita, al miglioramento e a nuove forme di sviluppo a beneficio dell’intera comunità narnese. E’ nella nostra indole e nel nostro modo di essere, partire dalle variegate esperienze di vita e di lavoro dei nostri candidati, per offrire spunti o mettere su carta progetti realizzabili e non utopistici per il bene dell’intera comunità, partendo da politiche attuabili a tutela e salvaguardia dell’artigianato e del commercio locale, per la promozione del settore turistico, per un nuovo modo di sviluppo basato sull’economia della conoscenza e dell’università per affrontare poi una politica che risponda ai bisogni di tutti nel campo della sanità e del welfare. Noi - continua la nota di 'Insieme Possiamo' - crediamo molto nella partecipazione attiva quale forma di governo per l’amministrazione della città; la presenza di numerose liste in questa tornata elettorale sta a testimoniare l’impegno ed il senso di appartenenza a questa comunità. Chi, con strafottenza politica, ergendosi a conoscitore dell’arte di governo stigmatizza o considera pretenziose queste liste non rispetta il sacrificio e forse non conosce gli sforzi di generazioni di Narnesi volte a far trionfare i principi della democrazia rappresentativa e partecipata. E’ innegabile che la tradizione manifatturiera ed industriale di Narni non si possa cancellare con un colpo di spugna o abbandonare, considerate anche la presenza sul nostro territorio delle competenze e delle capacità conseguite in oltre un secolo di attività. Sicuramente non si possono non mettere a sistema quelle nuove forme di sviluppo che possono venire dalla riqualificazione di paesaggi (gole del Nera) e dalle nuove attività imprenditoriali nate nel settore dell’agricoltura (turismo enogastronomico) e dalle produzioni di prodotti biologici. Cambiata è anche la popolazione narnese, per questo a seguito della crisi industriale e quindi economica occorre rivedere un modello di welfare che non lasci solo nessuno, ben consapevoli comunque, a differenza di proclami elettorali piuttosto utopistici, che alcune scelte delle grandi multinazionali non soggiacciono a politiche locali ma rispondono piuttosto a politiche globali difficilmente controllabili, per questo occorre integrare sempre più gli sforzi tra servizi sociali di più Comuni con il comparto sanitario regionale rivendicando maggiori stanziamenti e risorse per migliorare la rete dell’offerta vista una popolazione sempre più anziana e sola che va curata ed assistita presso il proprio domicilio, per un rispetto della propria dignità. Di qui invertire o creare a Narni un polo geriatrico a livello regionale per medie e lunghe degenze che possa rispondere alle esigenze crescenti non solo della comunità narnese ma dell’intera provincia. Un’amministrazione virtuosa . chiude il comunicato di Insieme Possiamo -, che metta al centro della propria agenda il cittadino non può non tener conto delle dinamiche sempre più frenetiche economico sociali che investono il sistema Italia e quindi la nostra comunità. Siamo certi che il modello di governo di centro-sinistra che ha concorso allo sviluppo della realtà narnese negli ultimi sessant’anni sappia leggere in fretta e con lungimiranza le nuove sfide del terzo millennio; il nostro impegno e ci auguriamo la nostra presenza in Consiglio Comunale, vuole essere a sostegno e a promozione di quelle politiche per troppo tempo ingessate da mancanza di progettualità o da una politica troppo miope".
7/6/2017 ore 1:50
Torna su