Domenica 12/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 08:36
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: un codice a barre "letto" dagli smarphone per "leggere" gli eventi culturali ed i monumenti
Si chiama “Codice QR”, dove le due consonanti stanno per “Quick Read”, che tradotto in italiano significa “lettura rapida”. Si tratta di un codice a barre “bidimensionale” ed "a matrice", composto da moduli neri disposti all'interno di uno schema di forma quadrata. Viene impiegato per memorizzare informazioni generalmente destinate a essere lette tramite un semplice telefono cellulare o un più moderno smartphone. E’ in ogni caso un codice pieno zeppo di dati, basti pensare che in un solo crittogramma sono contenuti 7.089 caratteri numerici o 4.296 alfanumerici. Il nome QR è l'abbreviazione dell'inglese quick response (risposta rapida), in virtù del fatto che il codice fu sviluppato per permettere una rapida decodifica del suo contenuto. Ebbene, l’utilizzo di questo codice viene ora invocato dal consigliere comunale del Pd Giovanni Rubini, il quale ritiene che la promozione del territorio, da un punto di vista turistico, culturale e commerciale, possa passare proprio attraverso l’utilizzo di questi sistemi. “Impegniamo la Giunta comunale – dice Rubini - a stilare un progetto per la realizzazione del sistema Qr Code nel nostro comune e individuare tutti quei luoghi, come monumenti, sculture di interesse storico, culturale ed artistico, affinchè si possano inserire nel progetto viste le grosse potenzialità di questi sistemi per gli sviluppi”. Rubini, con questa sua nuova iniziativa, continua in quella sorta di “crociata” personale tesa verso la modernizzazione e lo snellimento della pubblica amministrazione. I codici in questione sono in effetti comodissimi e versatili per attività culturali e turistiche e in generale di promozione. “Si tratta – sottolinea il consigliere del Pd – di un sistema innovativo e in grado di valorizzare le bellezze del nostro territorio, che potrebbe essere inserito nel progetto di marketing Qsv già in piedi. Va però creata una sezione dedicata del nostro comune su Wikivoyage, che è un progetto il cui scopo è la creazione di una guida turistica mondiale aggiornabile, affidabile e dal contenuto libero. Avvanto a questo si tratta poi di elaborare una guida turistica interattiva del nostro territorio integrata con questo sistema, attraverso la creazione di un sito o più siti specifici collegati, dove siano presenti tutte le descrizioni dei monumenti, eventi, sculture, luoghi segnati dal Qr Code e metterle in rete per diffondere le info turistiche all'esterno”.
20/3/2013 ore 13:45
Torna su