Lunedì 06/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 21:55
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: sosta selvaggia a San Girolamo, per il Comune "non ci sono divieti, quindi si può parcheggiare"
Decine di automobili in sosta per giornate intere all’interno di un parco pubblico? A Narni è cosa possibile e si verifica ormai da talmente tanto tempo che quello che dovrebbe essere un abuso è diventato un fatto pressoché normale. La stessa amministrazione comunale ha ribadito più volte che “il problema non esiste perché in assenza di segnaletica che vieta la sosta, non si possono nemmeno elevare delle contravvenzioni ai proprietari delle macchine”. La zona interessata dalla sosta selvaggia è quella che va dal bivio di via Campagnani fino all’inizio dei giardini di San Girolamo. Un lungo vialone, composto da un largo marciapiede esterno, che costeggia la statale Flaminia e da un corridoio centrale che si affaccia a picco sullo stadio comunale e nella cui parte a valle diventa parco giochi per bambini. Ebbene in questi spazi, sia il marciapiede esterno che il vialone centrale, sono diventati da tempo terra di nessuno e sin dal primo mattino vengono invasi da decine di automobili, appartenenti a gente che lavora presso l’ospedale o presso il Cfp, ma anche a normali cittadini che anziché parcheggiare al Suffragio preferiscono lasciare la loro macchina in questa zona, dove il parcheggio è gratuito e le multe non si rischiano perché nessuno controlla. All’assessorato alla Viabilità sono stati interessati del problema ma la risposta che viene data è sempre la stessa: “non ci sono segnali che vietano la sosta, quindi si può parcheggiare”. Una risposta che non viene affatto digerita da tanti cittadini, in particolare quelli che abitano a Santa Lucia o nella zona della Valletta, che per andare in centro devono attraversare a piedi parte dei giardini pubblici e del lungo vialone, dove sono costretti a farsi spazio in mezzo alle automobili, rischiando talvolta di essere anche investiti, perché tra gli automobilisti c’è anche gente che attraversa il viale a velocità improponibili.

7/3/2011 ore 0:38
Torna su