Domenica 21/07/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 03:12
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni: si riunisce il Consiglio Comunale, e potrebbero ancora scapparci scintille tra maggioranza ed opposizione
Un Consiglio Comunale, quello in programma oggi alle 16, che potrebbe rivelarsi "indigesto" per la maggioranza. Soprattutto per un punto che sta all'ordine del giorno e che riguarda la discussione di una mozione presentata tempo addietro dal consigliere Fociani (Pd), il quale aveva chiesto ai rappresentanti ex Udeur di chiarire la loro posizione. Una questione apparentemente di poco conto ma che è invece molto delicata perché attorno all'argomento si sono alzati dei grossi polveroni. A Fociani, appoggiato nella sua richiesta anche da Pileri (Ulivo), non sono bastate, evidentemente, le dichiarazioni di Sergio Ceccarelli , eletto nella lista civica "Moderati per Narni" che in qualche modo era stata "sponsorizzata" proprio dall'Udeur, il quale per sgombrare definitivamente il campo dalle polemiche aveva dichiarato di non riconoscersi più nella lista stessa e di aderire ad un nuovo gruppo civico che niente avrebbe più avuto a che fare con il partito di Mastella. Oggi, dunque, in Consiglio si riparlerà della questione e c'è da starne certi che non sarà una discussione rapida e priva di polemiche. Ci sarà anche da esprimere un voto intorno all'argomento e qui andranno ad innescarsi tutti quegli elementi che hanno determinato il forte malessere che si registra da qualche tempo all'interno della coalizione di maggioranza e della stessa giunta. Si tornerà a parlare di rimpasto delle deleghe, di nomine di secondo livello e di tutte quelle questioni che hanno animato l'ultima seduta dell'assise cittadina. La maggioranza è tutt'altro che unita: i Socialisti vogliono maggiore considerazione e chiedono la delega di vice sindaco e qualche altro incarico, i Comunisti Italiani non si capisce bene cosa vogliano ma sarebbero pronti a spalleggiare i due "dissidenti" Fociani e Pileri e gli stessi Socialisti, nel caso si dovesse preparare un "golpe". Ma è all'interno dello stesso Partito Democratico che stanno nascendo anime diverse che rischiano di amplificare gli effetti di una crisi che sembra essere solo agli inizi. E di fronte a tutta questa confusione la minoranza gongola.
18/9/2008 ore 11:52
Torna su