Domenica 20/08/2017
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 00:25
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni Scalo, parlano i responsabili della scuola di musica: "Siamo autorizzati dal Comune ad entrare nel parco con le macchine"
L'articolo uscito il 10 febbraio su Narnionline, dove si parlava delle auto che entrano liberamente all'interno del parco pubblico di Narni Scalo, ha suscitato molta attenzione. In redazione è anche giunta una lettera firmata dai responsabili dell’Associazione 'Parco della Musica', che ha sede proprio nel parco. Questi si sono sentiti chiamati in causa in quanto la foto pubblicata a margine del servizio, riportava il piazzale antistante all'ingresso dei loro studi. "La struttura in cui risiede la Scuola di Musica - spiegano il Presidente Stefano Pettirossi ed il Vice Presidente Lele Anastasi -, è stata adibita ad ospitare tale attività sin dal 2007. Parco della Musica ha vinto regolare bando di gara per l’assegnazione e creazione dell’attività di Scuola di Musica, Studio di Registrazione e Sale Prova all’interno del Bocciodromo e ivi operando come attività commerciale a tutti gli effetti. Come tale l’esistenza e la sopravvivenza di questo esercizio è legata alla facile fruizione da parte del pubblico e quindi all’acquisizione di allievi e clienti. Per questo motivo è indispensabile avere visibilità e raggiungibilità. La Scuola di Musica ha attualmente circa 50 allievi e vanta nel proprio staff professionisti del settore di calibro nazionale che contribuiscono ad offrire altissimi standard. Per questo, Parco della Musica, grazie alla qualità della struttura e delle attrezzature, è conosciuta ed apprezzata dagli operatori del settore in tutta Italia. Non solo musica, anche lezioni di doppiaggio e recitazione con attori e presentatori Rai e fiction. Un servizio culturalmente essenziale. Indispensabile. Impedirne l’accesso diretto significherebbe penalizzare in maniera grave lo svolgimento e la prosecuzione delle attività che, pur essendo di natura commerciale, come abbiamo già detto, conferiscono comunque pregio e lustro a tutta la cittadinanza. Precisiamo che non si tratta di un’attività comunale o che goda di Patrocinio. Come un’attività commerciale qualsiasi paga regolare affitto, utenze e tasse vivendo, data la congiuntura economica attuale, non poche difficoltà. Gli allievi e i clienti che vengono presso la nostra struttura pagano per ricevere i servizi che offriamo e impedire loro di raggiungere in macchina l’ingresso nei mesi invernali, quando fa buio presto o piove, o quando per loro esigenze personali lo ritengano opportuno, risulta essere una cosa commercialmente errata e che, di conseguenza, fa perdere clientela. Anche quando le band vengono a fare le prove e trasportano gli strumenti devono poter arrivare davanti la struttura per scaricare agevolmente la strumentazione. Tra l’altro, grazie all’intervento dell’amministrazione comunale, che ha compreso queste problematiche, per non creare fastidi di alcun genere e per poter convivere con la popolazione, si è fatta installare una rete che divide lo spazio del parco con la stradina adiacente il campo di allenamento che viene utilizzata per raggiungere la struttura, precludendo così il rischio di infortuni a bambini ed adulti. Si precisa ulteriormente che le vetture, raggiungendo l’ingresso rimangono esclusivamente negli spazi delle pertinenze dell’ex bocciodromo senza invadere in alcun modo le aree verdi e gli spazi adibiti ai bambini ed agli animali domestici. L’Associazione Parco della Musica - concludono Pettirossi ed Anastasi -, è in possesso di regolari permessi per entrare e sostare nell’area adiacente lo stabile. Permesso deliberato in Giunta comunale, firmato ed approvato dal Comandante dei Vigili Urbani: non potrebbe essere altrimenti, visto che il bando di gara non prevedeva in nessun articolo il divieto di accesso alla struttura con mezzi a motore. Siamo sicuri che la popolazione di Narni, sempre attenta alle attività di carattere socio-culturale, non mancherà di manifestarci il proprio supporto per poter continuare ad offire, sempre al meglio, i nostri servizi".
11/2/2017 ore 3:35
Torna su