Venerdì 20/09/2019
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 21:12
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni Scalo: maxi rissa davanti ad una discoteca
Ha rischiato di trasformarsi in tragedia l’episodio accaduto nelle prime ore di ieri mattina nel parcheggio di una nota discoteca di Narni Scalo, dove è scoppiata una gigantesca rissa che ha visto coinvolti una trentina di giovani, tutti ternani. Nel corso della scazzottata, infatti, c’è stato un accoltellamento ed è andata bene che il ragazzo ferito, un ternano di 25 anni, sia stato colpito alla schiena e che la lama sia penetrata solo un paio di centimetri e non abbia toccato nessun organo vitale. Il feritore sarebbe un giovane ternano di 27 anni, noto alle forze dell’ordine per i suoi precedenti: rissa, lesioni, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. La ricostruzione dei fatti, ancora al vaglio dei carabinieri di Narni Scalo comandati dal maresciallo Guglielmo Apuzzo, non è stata facile. Qualcuno ha riferito che i diverbi tra due gruppi di ragazzi sarebbero nati all’interno della discoteca per questione di donne. La discussione è poi proseguita nel piazzale adiacente il locale dove non c’è voluto molto perché dalle parole si passasse ai fatti. Botte da orbi, calci, pugni che hanno visto coinvolte anche delle ragazze le quali, nel tentativo di far smettere i propri fidanzati di picchiarsi, si sono ritrovate in mezzo alla maxi-rissa. Il fattaccio è avvenuto nel mentre un ragazzo (l’accoltellato) tentava di difendere una giovane che pare le stesse buscando da due ragazzi. Per tutta risposta il 25enne si è beccato una coltellata alla schiena ed è caduto a terra. Qualcuno nel frattempo ha chiamato i carabinieri e poco dopo sul posto sono arrivate due pattuglie del radiomobile di Terni e di Amelia. Alla vista dei militari solo pochi giovani però sono rimasti sul campo di battaglia perché gli altri se la sono data a gambe. Il ferito veniva soccorso e trasportato all’ospedale per le cure del caso, mentre i carabinieri bloccavano una decina di giovani coinvolti nella rissa e li accompagnavano presso la caserma di Narni Scalo. Qui, erano le 5,30 di mattina, il maresciallo Apuzzo cominciava gli interrogatori ma trovava molta reticenza da parte dei fermati. Alla fine il comandante denunciava l’autore del ferimento, per lesioni volontarie con circostanza aggravante per l’uso dell’arma da taglio, rissa e favoreggiamento e altri tre giovani ternani di 20 e 25 anni per favoreggiamento, in quanto si rifiutavano di fornire i nomi delle altre persone coinvolte nella rissa.

21/3/2005 ore 5:32
Torna su