Lunedì 06/07/2020
Home     Cronaca    Attualità    Politica    Economia    Comprensorio    Corsa all'anello
Ore 21:51
Ambiente    Sport    Cultura    Turismo    Musica    Costume    Sondaggi    Video     Eventi
Narni Scalo, il sindaco De Rebotti convoca i sindacati per parlare dello stato di agitazione della Sgl Carbon
Si è tenuto poco fa presso il Comune di Narni, l’incontro tra il Sindaco di Narni Francesco De Rebotti, l’Assessore allo Sviluppo Economico Marco De Arcangelis e i rappresentanti sindacali delle organizzazioni sindacali territoriali di Filctme - Femca- Uiltec, Sergio Cardinali, Fabrizio Framarini e Franco Di Lecce. Era presente anche la RSU aziendale della Sgl Carbon di Narni Scalo. Si è analizzato l’annuncio della direzione di stabilimento di voler procedere allo spegnimento di un forno di cottura, in conseguenza della riduzione dei volumi produttivi assegnati dal gruppo allo stabilimento di Narni. Il Sindaco, ha reso noto alle organizzazioni sindacali di aver inviato una richiesta di incontro ai massimi livelli del gruppo già dal 18 di settembre, per esprimere rammarico riguardo ad alcune notizie circolate, riferite alla presenza di alcuni non meglio definiti progetti insistenti nell'area aziendale. "Le caratteristiche dei progetti - recita un comunicato -, sempre per sommaria conoscenza, non sembrerebbero essere inseriti coerentemente con il percorso avviato dal comune attraverso gli assessorati allo sviluppo economico e all’ambiente, in seno al “Patto Dei Sindaci” e alla redazione del “Paes”(Piano Attuativo Energie Sostenibili), già avviato e condiviso con il management aziendale locale. Tale percorso ha già visto la partecipazione fattiva dell’amministrazione , dell’azienda, delle organizzazioni sindacali e delle associazioni Legambiente e Alleanza per il Clima. Le ultime costituite in Ati, sono state individuate attraverso una procedura ad evidenza pubblica con il compito di redigere il Piano delle Energie Sostenibili. Il sopraccitato progetto punta decisamente a realizzare il duplice obbiettivo dell’abbattimento della Co2 e del costo energetico per la fabbrica, al fine di aumentarne la competitività e il consolidamento nel futuro della stessa.
La notizia di ieri - è scritto nel comunicato diffuso dal Comune - e il presunto fantomatico progetto, oltre a mettere in discussione il futuro della fabbrica, appaiono al tempo stesso incoerenti con gli affidamenti sin qui concordati da tutti i soggetti coinvolti nella procedura del Paes.
L’Amministrazione e le organizzazioni sindacali, attraverso il presente comunicato intendono inviare un segnale chiaro ed inequivocabile ai massimi vertici del gruppo Sgl Carbon sulla netta contrarietà al comportamento aziendale; ritengono assolutamente necessario e non rinviabile un urgentissimo incontro in cui l'azienda fornisca tutti i chiarimenti atti a fugare ogni dubbio sul futuro produttivo della fabbrica, precisando fin d'ora che ogni altra prospettiva sarà al di fuori dei programmi amministrativi del comune, e sicuramente osteggiata dalle organizzazioni sindacali. L’Amministrazione Comunale sosterrà le iniziative promosse dalle organizzazioni sindacali che verranno decise in assemblea e si attiverà a tutti i livelli istituzionali per un positivo esito della vicenda. L'amministrazione Comunale congiuntamente alle stesse organizzazioni sindacali. metterà in campo tutte le azioni necessarie per favorire l’attivazione di strumenti straordinari da parte del Governo nazionale per gestire il complesso lavoro di salvaguardia e rilancio del patrimonio industriale del territorio narnese e di tutto il territorio provinciale. L'amministrazione comunale si associa alle organizzazioni sindacali nazionali di categoria, prontamente allertate dalle segreterie territoriali, al fine di instaurare una interlocuzione aziendale ai massimi livelli".
9/10/2013 ore 15:36
Torna su